Ordine

Il corso di preparazione per il concorso Rai: il titolare della Ime, ”tanto rumore per nulla”

15 Luglio 2014 Tag:, , , , , , ,
corso-ime-rai-giornalistiIl lancio attraverso una lettera inviata a casa ai giornalisti di un corso promosso dallo Ime  per la formazione alla prima prova del concorso per giornalisti professionisti in RAI aveva scatenato le polemiche. Addirittura in una lettera firmata dal presidente del Consiglio nazionale dell'Ordine, Enzo Iacopino, dal Segretario generale Fnsi, Franco Siddi e dal segretario Usigrai, Vittorio di Trapani, si era scritto : "In questi giorni sta arrivando a centinaia di colleghe e colleghi una lettera relativa a un presunto corso di preparazione alla selezione pubblica per giornalisti avviata dalla Rai. E' opportuno che i colleghi sappiano che si tratta di una iniziativa di una società privata, alla quale sono totalmente estranei l'Ordine dei Giornalisti, la Fnsi e L'Usigrai. Cogliamo l'occasione per sottolineare che non esiste alcun corso di preparazione "ufficiale" alla selezione pubblica della Rai".   Il titolare della Ime, Maurizio Conte, ha annunciato quasi subito l'annullamento del corso e racconta a LSDI la sua esperienza.   (altro…)

Formazione obbligatoria dei giornalisti. La curia triestina contro l’ Ordine, crociate e polemiche

7 Giugno 2014 Tag:, , ,
VitanuovaI corsi di formazione obbligatoria dell’Ordine dei Giornalisti? Uno strumento per l’ indottrinamento di regime, un pericoloso mezzo per costringere i giornalisti a seguire una perversa ideologia che vorrebbe equiparare eterosessuali, omosessuali, bisessuali e transessuali. La spaventosa longa manus della lobby LGBT emerge minacciosa e nessuno si erge a difesa dei valori naturali e tradizionali. L’attacco arriva dalle pagine del settimanale cattolico della diocesi di Trieste Vita Nuova e dal suo direttore Stefano Fontana, mentre l’Assostampa del Friuli Venezia Giulia esprime la sua solidarietà ai colleghi dell’Ordine regionale che respinge le accuse.   Ricostruiamo qui la vicenda dando la parole al direttore della rivista e al presidente dell’Ordine.   (altro…)

Giornalisti precari: Ciampi (Ast) ‘’Iacopino, il sindacato non ‘guarda dall’ altra parte’ ‘’

11 Aprile 2014 Tag:, , , , , ,
Ciampi-cop‘’Piuttosto che queste accuse, caro Enzo, dal mio Ordine mi aspetterei innanzitutto una riforma seria e soprattutto in tempi rapidi, perché ormai siamo al limite del tempo massimo che ci è consentito’’. ‘’Dall' Ordine mi aspetterei anche una serie riflessione sulle prospettive del sistema informazione, sulle risorse che ragionevolmente possono essere in campo e possono essere reperite, così come un impegno forte sulla ridefinizione dei confini della professione, mai come oggi incerti’’ Lo afferma Paolo Ciampi, presidente dell’ Associazione stampa toscana, in una lettera aperta al presidente dell’ Ordine, Iacopino, in cui contesta contenuti e toni della sua replica al documento diffuso da 12 associazioni regionali di stampa. E propone un confronto pubblico a Firenze, in nome della omonima ‘’Carta’’.   (altro…)

Ordine dei giornalisti: un solo albo / un solo elenco, quello dei ”giornalisti abilitati”

14 Dicembre 2013 Tag:, , , , , ,
Ordine-Assisi Riprendiamo dal sito di Articolo21 ’’Ordine, l’ ora della verità’’,  un intervento di Pino Rea sulla riforma dell’ Ordine dei giornalisti, pubblicato nell’ ambito dei materiali presentati al Forum in corso in questi giorni ad Assisi.   Fra le varie questioni segnalate, l’ accesso unico, una formazione di alto livello e permanente, la produzione deontologica, l’ analisi dei cambiamenti e dell’ innovazione (perché non investire in un buon Centro studi le risorse che vengono ora destinate a decine di gruppi di lavoro scoordinati fra di loro?). E, infine, l’ urgenza di superare la vecchia distinzione fra professionisti e pubblicisti attraverso un albo/un elenco, quello dei giornalisti abilitati a fare la professione. Che poi la facciano o meno, e come la faranno, sarà argomento di sindacato, editori e mercato.   (altro…)

Il nuovo pubblicismo, area fragile del giornalismo professionale

3 Dicembre 2013 Tag:, , , , , ,
PubblicisticopDalla grande mole di materiali dell’ Inpgi abbiamo cercato di ricavare dei nuovi dati che permettessero di mettere meglio a fuoco le condizioni effettive dei giornalisti pubblicisti attivi.   Il primo dato, apparentemente un altro paradosso, è che Il lavoro giornalistico ufficiale, almeno sul piano numerico,  è in prevalenza nelle loro mani. Sono  24.864  infatti i pubblicisti attivi, contro i 21.475 professionisti.   Il paradosso conferma però senza possibilità di smentite che di fronte alla crisi  il sistema industriale/editoriale del giornalismo italiano ha scelto la strada della minor resistenza, concentrandosi soprattutto  in una vasta operazione di esternalizzazione (outsourcing) .   (altro…)