Knight Foundation finanzia nuovi strumenti per il giornalismo online

| 16 Ottobre 2014 | Tag:, , ,

KnightLa Knight Foundation ha appena annunciato lo stanziamento, nell’ambito del  Knight Prototype Fund, di 35.000 dollari ciascuno per 18 progetti basati in USA e mirati a migliorare le pratiche del giornalismo online – centrati cioè sul coinvolgimento diretto pubblico, per sollecitare e accettare lo “user-generated content”.

 

Da notare quello della Public Radio International per realizzare un sistema che consente ai lettori di integrare direttamente i propri commenti, differenziandoli, nel corpo dell’articolo e l’impegno di MuckRock per un’applicazione centrata sul crowdsourcing tramite cui gli utenti possano caricare foto, interventi e altri contributi.
 

Quest’ultimo vanta già un sito ricco di news collaborative centrato sulle richieste sottoposte dai cittadini alle autorità tramite il Freedom of Information Act (FOIA) — della campagna per un’analoga normativa italiana ci siamo ripetutamente occupati qui su Lsdi.
 

Altri progetti riguardano quello congiunto dello Harvard Library Innovation Lab e del Berkman Center for Internet & Society, per un sistema con cui inviare messaggi criptati che non possono essere letti prima di un orario preciso; lo sviluppo di un’app per condividere rapidamente foto caricate in uno spazio pubblico all’interno dell’Internet Archive e con licenza Creative Commons (curato da quest’ultima organizzazione); un software per gestori di comunità e siti d’informazione capace di identificare e evidenziare al volo commenti di buona qualità in calce agli articoli (University of Maryland); uno strumento per archiviare e preservare le conversazioni sui social media nei rispettivi contesti (Rhizome).
 
Scatta ora il semestre in cui i vari autori dovranno mettere in pratica e testare queste idee, al termine del quale è prevista una giornata dedicata alle dimostrazioni pratiche.

Print Friendly, PDF & Email

Leggi anche:

  • Profezie spagnole Prendiamo spunto quest’oggi da un articolo del nostro archivio del 2014. Si tratta di una riflessione, a dir poco, profetica, scritta da un grande giornalista spagnolo,  Miguel Ormaetxea. […]
  • Visti e sentiti nel 2021 (prima parte) Eccoci arrivati come ogni anno agli articoli di riepilogo di fine stagione. Una summa veloce e senza fronzoli - o forse con ? - del meglio del meglio dell'anno appena trascorso, qui, alle […]
  • Il giornalismo non può attendere Speriamo di non annoiarvi proponendoVi spesso questo giochetto di parole nel titolo dei nostri pezzi. L'idea è che se il titolo Vi suggerisce qualcosa o qualcuno, magari di noto o […]
  • Informazione nativa digitale (sg)     Un'occasione persa,  a nostro parere,  è stata quella non sufficientemente sfruttata,  durante gli Stati generali dell'editoria,  dai soggetti che avrebbero dovuto essere protagonisti […]
  • Nuove categorie professionali nell’editoria: criticità e prospettive (pt1)(sg) L'immagine che accompagna questo pezzo fotografa, a nostro avviso, davvero bene,  alcuni degli elementi centrali del dibattito che abbiamo riassunto e riportato per Voi nelle sue fasi […]

I commenti sono chiusi.