Una scuola di giornalismo dei dati

| 17 Dicembre 2011 |

DJOrganizzato da Agorà Digitale, Associazione di giornalismo investigativo e Radio Radicale, è nato in questi giorni a Roma un Corso che punta a formare reporter e comunicatori in grado di utilizzare le tecniche dell’ Open Data Journalism per produrre reportage, analisi giornalistiche, dossier e infografiche

—–

Formare reporter e comunicatori in gradi di utilizzare le tecniche dell’Open Data Journalism per produrre reportage, analisi giornalistiche, dossier e infografiche.

E’ il principale obbiettivo del Corso di formazione in Data journalism appena lanciato da Agorà Digitale, l’Associazione di giornalismo investigativo e Radio Radicale.

La sempre maggiore disponibilità di dati – spiega il sito di Open Data journalism – pone ai giornalisti e a quanti si occupano a vario titolo di comunicazione (amministrazioni pubbliche, uffici relazioni con il pubblico, uffici stampa, no profit, movimenti civici) diverse sfide che rendono necessarie nuove e complesse acquisizioni come gli strumenti informatici per maneggiare grandi database di dati, le tecnologie per la visualizzazione degli stessi, nozioni di matematica e statistica per l’elaborazione dei dati, basi di finanza e contabilità per l’analisi dei bilanci, fino alla conoscenza delle maggiori banche dati italiane e delle procedure giuridiche per l’accesso ai dati grezzi.

Lo scopo principale di questo tipo di approccio all’informazione è quello di rendere disponibile in forma chiara e intellegibile quei dati di interesse pubblico disponibili offline e online, ma in modalità poco intellegibili per la maggior parte del pubblico dei lettori.

Per questa ragione il data journalism svolge un ruolo fondamentale nel colmare il gap tra i dati prodotti dalle istituzioni e dalle entità private e la capacità di comprensione dei medesimi da parte dei cittadini, contribuendo così ad una missione di valore civile e sociale straordinariamente significativa.

Tra i docenti del corso, nomi di punta del giornalismo digitale e delle professionalità statistiche e informatiche tra cui: Simon Rogers, editor del Guardian data blog, Elena Egawhary della Bbc News, Mario Tedeschini Lalli, vice-responsabile Innovazione e Sviluppo del Gruppo Editoriale L’Espresso, Gian Antonio Stella, editorialista del Corriere della Sera, Marco Lillo, giornalista di inchieste de il Fatto Quotidiano, Donato Speroni, insegnante di economia e statistica all’Istituto per la Formazione al Giornalismo di Urbino, Alberto Zuliano Ordinario della Sapienza di Roma, e altri.

I corsi si svolgeranno a Roma nel corso di più week end, tendenzialmente il venerdì pomeriggio e il sabato per l’intera giornata. Il corso partirà a fine febbraio e terminerà a luglio 2012. Il costo è di 2.000 euro.

L’ offerta formativa – spiegano gli organizzatori – si completa con un percorso di stage e/o project work da svolgersi presso alcune testate nazionali e locali. I tre lavori che saranno giudicati migliori dal corpo docente saranno pubblicati da RadioRadicale.it sul sito Fai notizia e retribuiti al costo di 500 euro netti l’ uno.

Print Friendly, PDF & Email

Leggi anche:

  • Fotogiornalismo, i fatti visti dall’alto La Costa Concordia vista dal satellite subito dopo il naufragio. E’ una delle foto pubblicate dal sito spagnolo 233grados.com in un ''intervento'' sulla  impressionante resa […]
  • HuffPost lancerà in estate un suo canale video L’ Huffington Post ha festeggiato giovedì scorso il primo anniversario della sua acquisizione da parte di AOL annunciando il lancio di un suo network per lo streaming di video. L’ […]
  • Fotogiornalismo, perché una immagine diventa icona E’ l’ emozione che produce, non le sue qualità formali, la molla del meccanismo mediatico che trasforma una foto in una icona, una sorta di immagine laica ma ‘’sacra’’, assegnandole un […]
  • Non con l’odio né col terrore Di hate speech, trolls, odiatori seriali, haters, e commenti malevoli ci occupiamo da anni.  In epoca non sospetta abbiamo avuto il grande privilegio e la fortuna di partecipare ad una […]
  • Vendere meno copie ed essere felici Per qualche testata USA il calo è ‘’pilotato’’ e si parla di ‘’qualità della diffusione’’: così meglio perdere il 10% di readership (i lettori non fedeli) che spendere per conquistare […]

I commenti sono chiusi.