Giornalisti: un euro a pezzo o ‘’Quattro per cinque’’?

| 27 Gennaio 2011 |

Emarketer Qui sopra, una inserzione apparsa in questi giorni su http://emarketerwebmedialab.it/job/. Parla da sola e non aggiungiamo altro.

4x5Qui accanto, il logo della campagna 4×5, che ci sembra giusto rilanciare.

Da terre libere:

“Non lavoro per meno di 50 euro” è la campagna dei giornalisti che rifiutano di scrivere gratis. Si ispira all`esempio dei braccianti africani che a Castel Volturno hanno scioperato contro i caporali con questo slogan.

Molti dei giornali, siti e contenitori di informazione sono prodotti sfruttando giornalisti collaboratori e precari. Con contratti da fame o senza uno straccio di contratto per anni. Pagati anche 4 centesimi a riga o pochi euro ad articolo, ricattabili e isolati. Si lavora senza sapere se, quanto e quando si verrà pagati.

Non chiediamo un contratto, chiediamo rispetto. Chi aderisce alla campagna promossa dall`ebook “Quattro per cinque” non accetta più di scrivere senza garanzie. “Io mi sono sempre rifiutato” – scrive Gabriele Del Grande nella prefazione. “Motivo per cui non ho mai scritto con una serie di quotidiani che Raffaella Cosentino cita nella prima parte del suo libro e che poi sono i quotidiani che fanno le loro battaglie ipocrite contro il precariato. Ma come ben spiega anche lei, il fenomeno è ben più vasto, e anche i principali quotidiani italiani non ne sono esenti”.

I nostri obiettivi:

  1. Riconoscimento del pagamento minimo per articolo o notizia coperta (50 euro minimo)
  2. Certezza dei tempi per il pagamento   (40 giorni massimo)
  3. Regole chiare per la proposta, l`approvazione, la pubblicazione.
  4. Iscrizione al sindacato dei giornalisti con una quota ridotta (20 euro e non 100 annuali)
  5. Rappresentanza sindacale per i collaboratori all`interno delle redazioni
Print Friendly, PDF & Email

Leggi anche:

  • El Mundo in Orbyt contro la crisi Contenuti di base gratuiti e valore aggiunto a pagamento - E’ la nuova strategia del quotidiano spagnolo El Mundo che ha messo una sua edicola digitale - Per 14,90 euro al mese offrirà la […]
  • I blog? Non sono più quelli di una volta Un dibattito, un po’ fiacco per la verità, sulla ennesima dichiarazione di ‘’morte’’ presunta dei blog ha fornito però l’ occasione per mettere a fuoco le trasformazioni del […]
  • Twitter, l’ effetto farfalla e il futuro del giornalismo Stiamo sopravvalutando l’ impatto dei social media? E’ uno dei temi emersi a Londra in un incontro sull’ impatto dei social media sull’ industria dell’ informazione di cui è stata […]
  • UN CAPRO ESPIATORIO PER LA GRANDE ANCHORWOMAN La CBS licenzia la producer che aveva preparato per Katie Couric, copiandolo da un articolo del Wall Street Journal, il testo di un suo commento sul blog Couric & co – Quinidici milioni […]
  • Un progetto per il giornalismo investigativo locale HelpMeInvestigate.com, di Paul Bradshaw, punta a “destrutturare e demistificare il giornalismo investigativo, rendendolo accessibile a tutti i normali cittadini” – E’ uno dei 446 […]

I commenti sono chiusi.