Byliner, un ‘’motore di scoperta’’ di giornalisti-scrittori

| 22 Giugno 2011 |

Byliner2

Martedì è stato lanciato negli Stati Uniti Byliner.com, un grande database che per ora contiene già circa 32.000 servizi del genere ‘’long form journalism’’, articoli ampi e di approfondimento che si avvicinano alla scrittura letteraria – Il sito si definisce scherzosamente il ‘’vaso di Pandora del giornalismo narrativo’’

—–

Un data-base che contiene circa 32.000 servizi giornalistici di genere ‘’narrativo’’ (narrative nonfiction o Long Form Journalism), organizzati meticolosamente e facilmente individuabili con una ricerca per autore, testata, argomento.

Si tratta di Byliner.com, lanciato ieri, che si definisce ‘’il vaso di Pandora del Giornalismo narrativo’’. Il sito – spiega NiemanLab – offre agli utenti un servizio di segnalazione e raccomandazione dei giornalisti autori e aggiornamenti automatici via Facebook quando uno delle ‘’firme’’ preferite pubblica un nuovo articolo.

A questo si aggiungono delle pagine di profilo che registrano tutti gli articoli di quel giornalista presenti sul web e i link alle pagine di Amazon con eventuali libri pubblicati.

Il sito – commenta NiemanLab – è già vasto e affascinante. Ha l’ appeal del ‘’seguimi giù nella tana del coniglio’’, tipo Wikipedia (una pagina tira l’ altra ed ecco che hai già consumato un’ ora di tempo sul sito), e schiude un ambiente da club per gentiluomini: un design elegante, un buon servizio, quel certo tono, il fruscio delle pagine elettroniche delle letture per Gente Seria.

L’ iniziativa è l’ ultimo tentative di illustrare e organizzare il mondo della cronaca ambiziosa, dei saggi eccellenti e di tutti le aspirazioni ‘’alte’’ del giornalismo, scrive invece Businessinsider.

Il  “motore di scoperta” è “disegnato in modo da aiutare i lettori a scoprire e discutere grandi servizi giornalistici e a diventare fan di grandi scrittori’’, ha raccontato a Poynter.org il Ceo di Byliner, John Tayman.

Print Friendly, PDF & Email

Leggi anche:

  • Se non la smetti ti faccio una app Quando è stato che siamo passati dal progettare soluzioni digitali a problemi analogici,  a realizzare inutili orpelli fintamente risolutivi in forma digitale a problemi (reali) perlopiù […]
  • Solo 57 i ‘’veri’’ freelance in Italia? ‘’Censimento freelance: dunque saremmo meno di 60?'’, si chiede Stefano Tesi sul suo blog commentando i risultati del censimento dei freelance italiani da lui lanciato il priomo febbraio […]
  • I miei futuri redattori capo? Yahoo! o Aol Dopo aver rilevato Associated Content, un aggregatore di notizie che gestisce migliaia e migliaia di collaboratori non professionisti, Yahoo! starebbe per mettere le mani sull’ Huffington […]
  • CROAZIA: LIBERTA’ DI STAMPA MA ATTENZIONE A PARLARE DEI CRIMINI DI CASA PROPRIA Pesanti minacce di morte a Drago Hedl, considerato uno dei migliori giornalisti investigativi della Croazia, dopo l’ arresto in Spagna del generale latitante Ante Gotovina. Una […]
  • Web-news opposte ma complementari Nei giorni scorsi il San Jose Mercury News ha messo a confronto due iniziative nel nuovo scenario dell'informazione (in USA ma non solo): Digg e Newstrust. Il quotidiano della Silicon […]

I commenti sono chiusi.