Bulimie informative, come riconquistare la sobrietà

| 19 Novembre 2011 |

bulimie coperta

Dalle abbuffate virtuali alla sobrietà dell’ informazione: è il tema della diciottesima edizione del Seminario di formazione per giornalisti organizzato dalla Comunità di Capodarco e da Redattore sociale (che festeggia il decennale) – Trenta interlocutori cercheranno di capire come mantenere in funzione il filtro dello spirito critico

—–

Come difendersi dalle bulimie informative? Come mantenere in funzione il filtro dello spirito critico?

Sono gli interrogativi intorno a cui ruota la diciottesima edizione del seminario di formazione per giornalisti organizzato dalla Comunità di Capodarco e da Redattore sociale (l’ agenzia che quest’ anno festeggia il decennale), in programma da venerdì a domenica nella sede della Comunità.

Una tre giorni fitta di incontri, dibattiti, seminari sul tema ‘’BULIMIE – Dalle abbuffate virtuali alla sobrietà dell’ informazione’’ in cui giornalisti, scrittori, sociologi, esperti del mondo dell’ informazione cercheranno di analizzare la forza e i punti deboli del fenomeno,  ‘’evitando la demonizzazione delle nuove tecnologie e ragionando di eccessi’’, spiegano gli organizzatori. E di  ‘’capire se sia possibile una nuova sobrietà nella vita quotidiana, ma anche nel consumo e nella produzione di informazione’’.

Dentro i vari spazi virtuali – spiega una nota -, nel rumore informativo di sottofondo, ci nutriamo in modo sempre più compulsivo di poche notizie rimasticate all’infinito, di “tempo reale”, di cronaca frammentata o seriale, di dichiarazioni, opinioni, indignati commenti anonimi. E poi di curiosità, trash, gossip, simboli, tendenze, e pubblicità…

Una abbuffata quotidiana che è, a sua volta, effetto e causa di bulimie di altro tipo, ben più radicate e oramai architravi della nostra pseudo convivenza civile: la bulimia del consumismo (anche spirituale, con un’ ondata inarrestabile di trascendentale d’ accatto), dei dogmi della “legge del mercato” e della crescita che non ha alternative, della “visibilità”, del narcisismo, della difesa dei privilegi e delle rendite di posizione.

Ciò interessa più o meno tutti, ma pone un grave problema ai giornalisti, i più esposti e spesso le prime vittime delle nuove bulimie, che d’altra parte contribuiscono ad alimentare e tenere vive. Come difendersi? Come mantenere in funzione il filtro dello spirito critico?

Il programma completo degli incontri, a cui parteciperanno anche due collaboratori di Lsdi, è qui.

Print Friendly, PDF & Email

Leggi anche:

  • L’ informazione iperlocale non può essere delocalizzata. Il caso (negativo) di Journatic Non si può fare informazione iper-locale  se uno è iper-distante. L’ informazione iperlocale si struttura e vive grazie all’ impegno di redattori che sono  presenti e  grazie alla […]
  • Fine della stampa? Diciamo di no! Whatype, un blog, lancia una campagna internazionale in difesa della carta stampata, per convincere il mondo che essa alla fine non morirà ---------- Mentre in vari luoghi e […]
  • Second Screen #digit16 La second screen experience è, come viene molto bene definita da Lillo Montalto Molella in un capitolo specifico ad essa dedicato del suo libro “ Real time journalism “,  : << un […]
  • Usa: il cellulare sempre più “indispensabile” Uno studio del Pew Project sui nuovi media fra il 2002 e il 2007 – Cresce naturalmente anche la “indispensabilità” di internet e dei servizi di e-mail su blackberry, mentre declinano la […]
  • The Daily: 90.000 abbonamenti in 4 mesi A quattro mesi dalla sua presentazione ancora non si conoscono le cifre ufficiali degli abbonati a The Daily, il giornale esclusvo per iPad della NewsCorp di Murdoch. Secondo dati […]

I commenti sono chiusi.