Come “vendere” online le proprie storie

| 1 Aprile 2010 | Tag:,

Sell Nasce in UK “Sell That Story”, un sito web che raccoglie, filtra ed edita storie di vicende personali, per poi venderle a giornali, nazionali e locali, a riviste e ad altri media del Regno Unito – Un’ agenzia specializzata in vita vissuta , messa in piedi da due noti giornalisti britannici

———-

“Se vuoi vendere la tua storia, noi possiamo aiutarti a farlo. Hai trovato il posto giusto”.

Il posto giusto è, appunto, “Sell that Story” (Vendi questa storia), un  sito web che raccoglie, filtra ed edita storie di vicende personali, per poi “venderle” a giornali, nazionali e locali, a riviste e ad altri media del Regno Unito. Un’ agenzia specializzata in vita vissuta , messa in piedi da due noti giornalisti britannici, Angela Epstein, una ex editorialista di MEN,  e John Jeffay, ex direttore del  Manchester Metro News.

“Mandateci una mail con qualche indicazione sulla vostra vicenda – promettono i due nella homepage del sito – e vi diremo quanti soldi riusciremo a raccogliere per voi”.

Jeffay – spiega Editorsweblog – pensa che l’ agenzia possa avere un futuro promettente e commenta: “Con Angela abbiamo stretto un forte sodalizio. Lei ha una grande familiarità con i giornali nazionali e il suo vasto pubblico. Io ho accumulato una grossa esperienza nel campo delle vendite per quotidiani e riviste”.

Jeffay è convinto che ci sia una nicchia discrete per questo particolare tipo di settore: “Ci sono dozzine di settimanali che puntano alle storie di vita vissuta e una grossa richiesta di racconti da parte di normali cittadini, ed è proprio il campo a cui ci rivolgiamo”.

E secondo Editorsweblog, il  fatto che il sito web annunci la possibilità di guadagni fra le 200 e le 2.000 sterline a seconda del contenuto delle storie vendute, dovrebbe contribuire al suo successo.

Print Friendly, PDF & Email

Leggi anche:

  • Viva la stampa morta e viva Abbiamo questa raccolta di articoli del nostro passato sui cui riflettere e poi ricominciare a pensare e poi dopo riflettere un'altra volta. Scherzi a parte, questa settimana facciamo una […]
  • Profezie spagnole Prendiamo spunto quest’oggi da un articolo del nostro archivio del 2014. Si tratta di una riflessione, a dir poco, profetica, scritta da un grande giornalista spagnolo,  Miguel Ormaetxea. […]
  • Generazione tik tok (prima parte) Partendo dai tik tokers, e andando a ritroso fra instagrammers,  followers, o "semplici", web surfers; potremmo scoprire e scoprirci digitali, molto digitali. Molto più digitali di quanto […]
  • Visti e sentiti nel 2021 (prima parte) Eccoci arrivati come ogni anno agli articoli di riepilogo di fine stagione. Una summa veloce e senza fronzoli - o forse con ? - del meglio del meglio dell'anno appena trascorso, qui, alle […]
  • Lavorare per Netflix Il giornalismo non è in crisi. Qui a bottega lo diciamo da tempo, in netta controtendenza e opposizione rispetto alle posizioni più diffuse e commentate.  Bisogna cambiare radicalmente […]

I commenti sono chiusi.