Amedeo Vergani morto all’ improvviso

| 2 Maggio 2010 |

Amedeo Amedeo Vergani, uno dei fondatori e degli animatori di Lsdi, è morto improvvisamente nella sua casa di Merone di Como. Aveva 65 anni.

Giornalista professionista, dopo essere stato cronista e redattore di quotidiani, dalla fine degli anni ’70 si era dedicato alla realizzazione di fotoreportage come inviato di riviste italiane e straniere (qui il suo sito web). Da diversi anni era  impegnato in organismi della Fnsi come rappresentante dei giornalisti dell’informazione visiva e a Milano aveva fondato il Gruppo sindacale dei giornalisti dell’ informazione visiva, che faceva capo all’ Associazione lombarda dei giornalisti e con cui aveva ingaggiato ripetute battaglie per la difesa degli interessi del giornalismo dell’ immagine e, più in generale, per difendere il valore di una qualità alta di tutto il giornalismo.

Di questo avevamo cominciato a parlare da tempo, con Amedeo Vergani,  impegnandoci – insieme ad altri colleghi – per realizzare in seno alla Fnsi un Centro di analisi e documentazione sui problemi dell’ informazione del giornalismo (come tra l’ altro previsto dallo statuto della Fnsi). 

Decidemmo per questo di dare vita a Lsdi, facendolo nascere come un organismo spontaneo ed autonomo, anche se fortemente collegato col sindacato, e Amedeo Vergani è stato in questi anni uno degli animatori più vivaci ed entusiasti.  E non solo sui problemi specifici del fotogiornalismo.  

Lo salutiamo con le parole di un suo amico e collega, Marco Capovilla, di Fotografia&Informazione. 

A tutti noi mancherà un caro amico e bravo e scrupoloso collega. Alle battaglie sindacali del vacillante fogiornalismo italiano viene invece a mancare una autentica colonna portante, praticamente l’ unica accreditata nelle istituzioni giornalistiche e sindacali.
Non è un bel momento, da tutti i punti di vista.

Amedeo Vergani lascia la moglie, tre figli e la madre. I funerali si svolgeranno alle ore 15 di martedì 4 nella Chiesa parrocchiale di Merone di Como. Il corteo funebre muoverà dall’ abitazione di Amedeo, in via Emiliani 6, a Merone.
La foto è stata fornita dalla famiglia.

Print Friendly, PDF & Email

Leggi anche:

  • La bellezza della carta stampata In una lettera aperta ai lettori riportata su Internazionale, lo scrittore Dave Eggers (nella foto) spiega perché ‘’vale la pena battersi per la sopravvivenza di libri e giornali di […]
  • Open Data – Data Journalism Il giornalismo così come lo conosciamo sta attraversando una lunga, salutare fase di crisi economica, ma a tratti anche di identità. Salutare perché se da un lato comporta licenziamenti, […]
  • Il caso Onida e la trasfigurazione del pubblicista Nonostante l’equivoco assai diffuso (...), nascondere o camuffare la propria identità, o riprendere e registrare di nascosto non sono comportamenti “normali” e pacificamente “leciti” per […]
  • I MAINSTREAM MEDIA DIVENTANO ‘’GIOCATORI DI NICCHIA’’? Pubblicato dal Project for Excellence in Journalism l’ edizione 2007 di The State of the News Media – Un numero crescente di testate Usa è alla ricerca del proprio ‘’brand’’ e […]
  • PARTE EDIZIONE E-PAPER DI LES ECHOS Il quotidiano economico ha avviato la campagna di sottoscrizione - L’ abbonamento standard per un anno, compreso il lettore iLiad, costa 649 euro – In metro nell’ ora di punta si può […]

I commenti sono chiusi.