sempre

I “social” sono sempre più “media” negli USA e in Italia?

15 Luglio 2015 Tag:, , , , , , , , , ,
[caption id="attachment_28339" align="alignleft" width="300"]by Jason Howie immagine di Jason Howie[/caption]     E' stato pubblicato un nuovo rapporto sull'uso dei social media nell'informazione realizzato da Pew Research Center e Knight Foundation. Dati che raccontano come negli USA Twitter e Facebook siano utilizzati per leggere le notizie. E in Italia? che cosa sta accadendo? Piccoli passi: rimane presente la distanza generazionale nell'uso della rete e nella fruizione delle notizie.   Ecco cosa raccontano il nuovo rapporto di Pew Research Center e Knight Foundation e in Italia ISTAT e DOXA. (altro…)

Una professione sempre più frammentata

10 Gennaio 2012 Tag:, ,
Continuano ad aumentare gli iscritti all’ Ordine, cresce (ma si impoverisce ulteriormente) il lavoro autonomo, cala il lavoro subordinato e sparisce il turnover nelle redazioni mentre gli ‘’attivi’’ continuano ad invecchiare – E’ la fisionomia della professione che emerge dall’ aggiornamento, con i dati del 2010, della Ricerca sulla professione realizzata l’ anno scorso da Lsdi – L’ analisi, che qui pubblichiamo, verrà presentata domani a Roma, nella sede della Fnsi, in occasione di ‘‘Stand up for journalism”, la campagna della Federazione europea dei giornalisti dedicata quest’ anno al problema del precariato – 50.000 giornalisti non hanno alcuna posizione all’ Inpgi – Fra i 25.000 autonomi e parasubordinati la percentuale di chi denuncia redditi inferiori al 5.000 euro lordi all’ anno è cresciuta dal 55,3 al 62% – Nel campo del lavoro subordinato i rapporti che producevano i redditi più bassi, quelli inferiori ai 30.000 euro lordi annui, sono diminuiti dal 35,4% del 2009 al 33,4% del 2010, ma i dati della Casagit sull’ ammontare del contributo medio (dai 3.118 euro del 2006 ai 2.978 euro annui del 2010) denunciano una costante diminuzione del reddito dei contrattualizzati – Se fossimo

Giornalismo, una professione sempre più frammentata

3 Novembre 2011 Tag:, , ,
Lsdi-professione-aggiornamento-attivi-globale Continuano ad aumentare gli iscritti all’ Ordine, cresce (ma si impoverisce ulteriormente) il lavoro autonomo, cala il lavoro subordinato e sparisce il turnover nelle redazioni mentre gli ‘’attivi’’ continuano ad invecchiare – E’ la fisionomia della professione che emerge dall’ aggiornamento, con i dati del 2010, della Ricerca sulla professione realizzata l’ anno scorso da Lsdi – L' analisi, che qui pubblichiamo, verrà presentata domani a Roma, nella sede della Fnsi, in occasione di ''Stand up for journalism'', la campagna della Federazione europea dei giornalisti  dedicata quest' anno al problema del precariato - 50.000 giornalisti non hanno alcuna posizione all’ Inpgi – Fra i 25.000 autonomi e parasubordinati la percentuale di chi denuncia redditi inferiori al 5.000 euro lordi all’ anno è cresciuta dal 55,3 al 62% -  Nel campo del lavoro subordinato i rapporti che producevano i redditi più bassi, quelli inferiori ai 30.000 euro lordi annui, sono diminuiti dal 35,4% del 2009 al 33,4% del 2010, ma i dati della Casagit sull’ ammontare del contributo medio (dai 3.118 euro del 2006 ai 2.978 euro annui del 2010) denunciano una costante diminuzione del reddito dei contrattualizzati – Se fossimo in