riforma

Riforma dell’ Ordine, un solo albo di ‘’giornalisti abilitati alla professione’’

13 Gennaio 2014 Tag:, , ,
OrdineSeparare l’ aspetto della abilitazione alla professione da quello del suo esercizio effettivo, la formazione dal mercato del lavoro. Distinguere la sfera della costruzione dei saperi professionali, della deontologia e della produzione di cultura – affidata all’ Ordine -  da quella del lavoro, regolato dal conflitto editori-sindacato. Togliere agli editori il potere di decidere chi sarà giornalista, spostandolo in mani  ‘’pubbliche’’, affidandolo a un sistema di Agenzie di formazioni (Università, Scuole, Ordine) in grado di costruire dei profili professionali adeguati alla complessità del nuovo sistema dell’ informazione.   Sono le linee di fondo alla base della proposta di Riforma dell’ Ordine messo a punto da ‘’Liberiamo l’ informazione’’ - l’ area di opposizione rispetto all' attuale presidente e alla sua maggioranza - in vista della riunione del Consiglio nazionale, in programma dal 21 al 23 gennaio, che sarà dedicata proprio al tema della Riforma.   (altro…)

Ordine dei giornalisti: un solo albo / un solo elenco, quello dei ”giornalisti abilitati”

14 Dicembre 2013 Tag:, , , , , ,
Ordine-Assisi Riprendiamo dal sito di Articolo21 ’’Ordine, l’ ora della verità’’,  un intervento di Pino Rea sulla riforma dell’ Ordine dei giornalisti, pubblicato nell’ ambito dei materiali presentati al Forum in corso in questi giorni ad Assisi.   Fra le varie questioni segnalate, l’ accesso unico, una formazione di alto livello e permanente, la produzione deontologica, l’ analisi dei cambiamenti e dell’ innovazione (perché non investire in un buon Centro studi le risorse che vengono ora destinate a decine di gruppi di lavoro scoordinati fra di loro?). E, infine, l’ urgenza di superare la vecchia distinzione fra professionisti e pubblicisti attraverso un albo/un elenco, quello dei giornalisti abilitati a fare la professione. Che poi la facciano o meno, e come la faranno, sarà argomento di sindacato, editori e mercato.   (altro…)

Sei giornalisti attivi su 10 fanno lavoro autonomo (nel 2000 erano la metà)

27 Ottobre 2013 Tag:, , , , , ,
Professione2012-copertina1)     Nel 2000 quasi sette giornalisti attivi su 10 (65%) erano lavoratori dipendenti (in massima parte con contratti Fnsi-Fieg). Alla fine del 2012 il rapporto si era ridotto al 40%: oggi, sei giornalisti attivi su 10 fanno lavoro autonomo.   2)     In tredici anni la popolazione giornalistica attiva in Italia – contrariamente a quanto avviene in altri paesi - è più che raddoppiata, passando da 21.373 a 47.227 giornalisti attivi (con posizione Inpgi).   (altro…)

Rilanciare l’ impegno per una riforma radicale dell’ Ordine, contro la sua deriva burocratica, per un giornalismo pulito e corretto

23 Dicembre 2012 Tag:, , , , , ,
Il segretario del Consiglio nazionale dell’ Ordine dei giornalisti, Giancarlo Ghirra, attacca la gestione del presidente Enzo Iacopino e della maggioranza che lo sostiene, accusandolo di aver volutamente assecondato l’ inerzia del Parlamento, frenando la spinta riformista a favore del mantenimento dello status quo – E di aver aumentato così la distanza con il giornalismo reale, con le redazioni e le migliaia di giornalisti freelance per scelta o per necessità, contribuendo a demolire l’ autorevolezza e il prestigio di quello che dovrebbe essere il massimo organo di autogoverno del giornalismo italiano -  La battaglia per un Ordine riformato secondo il principio che è giornalista chi lo fa, per l’ accesso universitario alla professione, per il superamento delle divisioni ottocentesche fra professionisti e pubblicisti*     (altro…)