Quotidiani

Conti sempre più in rosso in Spagna per Rcs

18 agosto 2013 Tag:, , , , , , , , ,
Unidad (d. g.) - Madrid - Non ha ancora finito di pagare gli indennizzi dell' ultimo taglio di personale, e già prepara il prossimo. E non è facile farlo quando i numeri in rosso sui conti aziendali si moltiplicano per cinque in un anno. La divisione informativa di Unidad Editorial, il gruppo spagnolo che pubblica, tra gli altri, il giornale El Mundo, ha registrato 18,6 milioni di euro di perdite nel 2012, quintuplicando i 3,83 persi nel 2011.   (altro…)

Informazione locale online : economicamente ancora in alto mare

9 agosto 2013 Tag:, , , , , , ,
Patch Patch, il network di 900 siti web che fa capo ad America online (AOL) e che avrebbe dovuto portare l’ informazione locale a tutte le comunità del paese, è destinato a subire dei tagli significativi.   Quasi un terzo dei blog della rete dovrebbero essere chiusi mentre verrebbe drasticamente ridotto il budget per quelli che sopravviveranno.   E questo, spiega PaidContent, rivela ancora una volta che il business del giornalismo locale online non funziona     (altro…)

Bezos e gli altri miliardari possono far tornare redditizi i quotidiani locali?

8 agosto 2013 Tag:, , , , , , , ,
Bezos Il modello di business del giornale tradizionale si sta sgretolando: l’ intervento dei miliardari invertirà la tendenza? E’ una delle tante questioni aperte dall’ acquisto del Washington Post da parte di Jeff Bezos ed è al centro di un articolo su Bloomberg.com dal titolo  ‘’Jeff Bezos Can Make Newspapers Profitable’’.   (altro…)

Come la de-newspaperization impoverisce le città Usa

3 agosto 2013 Tag:, , , , , , , ,
De-newscopIl termine è brutto ma efficace: de-newspaperization. De-giornalizzazione.   Lo ha coniato Will Bunch, un giornalista esperto del Philadelphia Daily News, in un articolo – The De-newspaperization of America, appunto – pubblicato sul suo blog, Philly.com, e ripreso subito da varie testate online americane, fra cui The Atlantic.   Nelle sue riflessioni Bunch analizza il parallelismo fra il declino delle città (non metropolitane) e l’ agonia della vasta rete di quotidiani locali che è sempre stata una caratteristica rilevante degli Stati Uniti, un paese che ha sempre avuto poche testate nazionali.   (altro…)

Il NYT sceglie l’ innovazione a vantaggio dei lettori invece che degli inserzionisti

20 luglio 2013 Tag:, , , , , ,
NYT1L’ accattivante  '’Snow Fall" , il famoso servizio multimediale del New York Times,  ha sollevato un sacco di dibattiti autoreferenziali sul futuro del giornalismo. Se questo sarà/non sarà il futuro del settore dipende però dalle persone a cui la domanda viene posta.  Per il New York Times, intanto,  non si tratta solo di un bel prodotto, ma di un vero e proprio modello di business.   Lo segnala Patrick Smith su The Media Briefing.com, spiegando che il giornale sta riorganizzando la sua redazione per realizzare delle esperienze interattive molto forti e lancerà quest’ anno una "rivista digitale molto coinvolgente", ricca di servizi lontani dal fastidioso rumore di fondo dei tradizionali siti web giornalistici.   (altro…)

Il giornalismo americano sempre più orientato verso il modello nonprofit

18 luglio 2013 Tag:, , , , , , ,
GiornalismoUsa Le testate giornalistiche americane mostrano una crescente tendenza verso l’ informazione non profit, nel tentativo – in particolare per i quotidiani metropolitani – di sopravvivere ai cambiamenti tecnologici e commerciali che le hanno quasi distrutte nel corso dell' ultimo decennio.   Lo sottolineano alcuni servizi segnalati da Larry Kaplan sulla rivista online Nonprofitquarterly.   (altro…)

I quotidiani restano fonti di informazione rilevante anche per i giovani

7 luglio 2013 Tag:, , , , ,
Millennials2
Nonostante la percezione secondo cui i giovani sotto i 30 anni starebbero abbandonando i giornali e i loro siti web a favore di altri strumenti di informazione digitali, alcune ricerche segnalano che i quotidiani sono ancora una fonte vitale di notizie per le persone di questa fascia d’ età.   Infatti – riporta Net News Check - circa il 57% delle persone fra i 18 e i 34 anni negli Stati Uniti leggono i giornali, su carta o online, durante la settimana media.   (altro…)

Usa: 2600 giornalisti in meno nel 2012 nei quotidiani (38.000 rispetto ai 52.600 del 2007)

27 giugno 2013 Tag:, , , , , , , , , ,
Usa Nel 2012 negli Stati Uniti sono spariti nei giornali 2.600 posti di lavoro giornalistico a tempo pieno, con una diminuzione del 6% rispetto al 2011, portando l’ occupazione totale del settore a 38.000 fra cronisti, redattori e altri giornalisti, quasi un terzo in meno rispetto al 2000 quando i giornalisti occupati erano 56.400. Lo segnala la American Society of News Editors (Asne) nel suo rapporto annuale, segnalando una inattesa accelerazione del ritmo di perdita del lavoro. Rispetto al 2006 – osserva Rick Edmonds su Poynter – il calo è stato del 30,9%.   (altro…)

Rallenta la caduta dei quotidiani Usa

26 giugno 2013 Tag:, , , , , , ,
Naa I nuovi dati sul 2012 forniti dalla Newspaper Association of America – Il fatturato del settore è calato di 900 milioni di dollari (da 39,6 a 38,6 miliardi di dollari), con un meno 2%, di gran lunga il più basso dal 2006 - Mentre i ricavi pubblicitari continuano a scendere (il calo è del 6% nel 2012),i  ricavi dalle vendite sono cresciuti del 5%, mentre le nuove fonti di reddito sono cresciute dell' 8% e ora rappresentano quasi 1 dollaro su 10 che entrano nelle casse delle aziende del settore  

(altro…)

Perché i giornali muoiono

26 giugno 2013 Tag:, , , , , , , , , , , , ,
Nieman1‘’Ci saranno ancora dei giornali fra dieci anni? Non lo so. Penso che ci saranno ancora delle imprese editoriali che ne avranno conservato i nomi e che forse avranno anche una declinazione su carta, come per esempio un magazine di qualità che esce nel fine settimana, ma produrranno l’ essenziale, e cioè tutto il loro contenuto, per il web. Non so se ci saranno ancora dei quotidiani come li conosciamo oggi’’.   E’ la previsione di Joshua Benton, giornalista e direttore del Nieman Journalism Lab di Harvard, uno dei principali centri mondiali di analisi dell’ innovazione nel campo dei media.   (altro…)