Poynter

FOIA, le storie più curiose raccolte da Poynter. E qualche caso italiano

24 Marzo 2015 Tag:, , , , ,

Giornalismo: correggere apertamente e spiegare il perché degli errori significa costruire fiducia

24 Aprile 2014 Tag:, , , ,

I giornali continuano a perdere lettori, ma le prime pagine sono grande materia di condivisione

27 Dicembre 2013 Tag:,
Copertine-copMentre gli introiti pubblicitari della carta continuano a diminuire e le testate fanno licenziamenti in massa, le prime pagine dei giornali vengono sempre più condivise sul digitale. Un processo innescato anche dalla facilità di pubblicare le cose su Twitter, Facebook e altri social media .   Perché? Perché - sostiene Jeremy Barr in un  articolo su Poynter – vengono considerate come una sorta di incapsulamento di un evento storico da archiviare e conservare, come è sempre successo. Condividere una copertina su Twitter – o salvarne una copia in formato digitale o come Pdf – è l’ equivalente dell’ archiviazione di una copertina tagliata con le forbici.   (altro…)

Calati del 43% (dal 2000) i redattori fotografici nei giornali Usa

12 Novembre 2013 Tag:, ,
Pew Dal 2000 ad oggi i redattori del settore fotografico e videografico dei giornali americani sono diminuiti del 43%, in misura nettamente superiore ai reporter/redattori e ai grafici.   Lo ha accertato lo studio annuale dell’ American Society of News Editors: i primi sono calati infatti del 32% e i secondi del 27%,  come si vede dalla tabella.   (altro…)

Usa: la laurea in giornalismo percepita sempre più come irrilevante

11 Agosto 2013 Tag:, , , , , , ,
Poynter1C’ è un gap di quasi il 40% fra docenti di giornalismo e giornalisti americani sul giudizio che viene dato sull’ importanza della laurea in giornalismo. Contro il 97-98% dei primi, che la ritengono ancora da ‘’molto importante a estremamente importante’’, sono meno del 60% i giornalisti che la pensano allo stesso modo. Il gap si riduce solo per quanto riguarda il giudizio sul peso che la laurea avrebbe nella ricerca di un posto di lavoro (53% contro il 41%): percentuale che scende addirittura al 38% fra i giornalisti freelance.    Partendo dai dati di un sondaggio fra 1800 tra professori e giornalisti, Howard Finberg, su Poynter,  sottolinea la necessità di ripensare con urgenza il sistema e i contenuti della formazione al giornalismo. ‘’Coloro che non innovano in aula resteranno indietro – dice -, proprio come quelli che hanno scelto di non innovare nelle redazioni’’.   (altro…)