poterefotografico

Fotogiornalismo: da anni precarietà e deregulation affliggono la professione

10 Dicembre 2008 Tag:,
fotografi2.jpg Oltre a essere messa in gioco la sopravvivenza della categoria, è minacciata pericolosamente anche la stessa credibilità di vasti settori dell’ informazione visiva proposta ai lettori – Il ruolo ambiguo delle agenzie – Organizzarsi sì, ma ricordiamoci che ci sono anche la Fnsi e le strutture territoriali – Un intervento di Amedeo Vergani a proposito di un articolo di poterefotografico.com (fotografia di Sergio Dolce )
----------

di Amedeo Vergani*

Fotografi, “vessati e umiliati”? La categoria dei fotogiornalisti è “in completa rotta, indifesa e spiazzata”? L’ articolo su poterefotografico.com di cui abbiamo dato notizia nei giorni scorsi (vedi Lsdi, "Fotografi vessati e umiliati"?) contiene delle sacrosante verità. Questa situazione pesantissima non è però una novità. Nel fotogiornalismo italiano le cose stanno andando così ormai dai primi anni ‘90 e all’ interno degli organismi istituzionali dei giornalisti le denunce di questa durissima realtà vanno avanti da anni e anni senza risultati concreti anche se tutti sanno benissimo che l’ attuale stato di fatto, con tutte le fragilità innescate da precarietà economica e deregolazione dei suoi “addetti”, oltre

Fotografi, “vessati e umiliati”?

7 Dicembre 2008 Tag:,
fotografi.jpg Oggi la fotografia è come la benzina per le auto e senza questa le auto non vanno, ma mai come in questo momento la categoria dei fotogiornalisti è stata “in completa rotta, indifesa e spiazzata” – Un articolo su poterefotografico.com con l’ appello a “forme di lotta che ci permettano di riconquistare la dignità perduta , una certa sicurezza sociale e il riconoscimento culturale del lavoro che svolgiamo” ----------

Se è vero che oggi “per i giornali la fotografia è come la benzina per le auto e senza questa le auto non vanno” è vero anche che mai come in questo momento la categoria dei fotogiornalisti “è in completa rotta, indifesa e spiazzata. Urge discutere forme di lotta che ci permettano di riconquistare la dignità perduta , una certa sicurezza sociale e il riconoscimento culturale del lavoro che svolgiamo”.  La riflessione* è su Poterefotografico.com, a firma ‘mozartiano’, dove in un articolo dal titolo molto aspro, “Fotografi vessati ed umiliati”, si fa il punto sulla situazione.

”So che molti di voi faranno spallucce leggendo queste note – conclude