gig economy

Un anno di Lsdi (Capodanno)

29 Dicembre 2018 Tag:, , , , , , , ,
Rieccoci a Voi in versione strenna  a ricordare in pochi semplici passaggi e in due specifici articoli tutto il lavoro svolto qui a bottega nell'anno che volge al termine, denominato convenzionalmente e solo ad alcune latitudini del nostro pianeta e per facilitarne la comprensione ai più: 2018esimo dalla nascita di Cristo. Abbiamo chiuso il pezzo natalizio con la citazione di alcune bellissime considerazioni di Antonio Gramsci; considerazioni che il grande pensatore del passato aveva formulato circa un centinaio di anni or sono e che, come forse qualcuno di Voi avrà avuto modo di vedere, bene si adattano a distanza di così tanto tempo anche al nostro presente. Ripartiamo da lì inserendo nella nostra narrazione altre considerazioni, mutuate da un bel lavoro didattico svolto in una scuola media umbra, ed elaborate da alcuni degli studenti di questa scuola. Si tratta di considerazioni che compongono un decalogo che mette in luce alcuni comportamenti per agevolare in tutti noi la costruzione di un processo di consapevolezza verso la transizione digitale denominato: "manifesto per la consapevolezza digitale".     Un lavoro davvero buono quello dei formatori e degli studenti umbri che pone l'accento su alcuni dei punti più

Il lavoro non è una tecnologia

31 Luglio 2018 Tag:, , , , , , , ,

Concludiamo per ora e con questo post, il lavoro intrapreso da alcune settimane dal nostro Marco Dal Pozzo sui temi del lavoro e della rivoluzione digitale. Anche questo post, come quello della scorsa settimana,   si basa sul lavoro certosino  di sbobinamento su questi temi specifici estratti da alcuni interventi di studiosi ed esperti che hanno partecipato al recente festival dell'economia di Trento. La scorsa settimana abbiamo raccontato la presentazione in 25 slide dell'economista americano Alan Krueger sugli effetti della tecnologia sul lavoro e in particolare sull'uso sempre più massiccio negli ambiti lavorativi di algoritmi e intelligenza artificiale. Oggi ci vorremmo concentrare sul percorso normativo riguardante "i nuovi / vecchi  lavori in epoca digitale" . Per affrontare questo argomento partiamo dallo sbobinamento realizzato dal nostro associato dell'intervento del professor  Valerio De Stefano al festival dell'economia di Trento che si intitolava proprio : "nuovi lavori, nuove regole?"   .  In un terzo post che sarà redatto sempre da Marco Dal Pozzo nelle prossime settimane metteremo a confronto i risultati prodotti sul pubblico del festival in sala dai due interventi degli studiosi e riportando domande e risposte emerse al termine del dibattito in

Cittadinanza politica per i nuovi lavoratori e le nuove forme del lavoro

18 Giugno 2018 Tag:, , , , , , , , ,
Il nostro Marco Dal Pozzo ci propone una sua riflessione che partendo da uno dei temi principali della nostra ricerca dell'ultimo periodo: l'algoritmo e la sua rilevanza sociale; ci porta ad esplorare un poco più in profondità il tema del lavoro e della contrattazione sindacale, dei diritti e dei doveri dei lavoratori dentro la cosiddetta "società degli algoritmi", come abbiamo noi stessi battezzato il nostro presente, nell'edizione pratese dello scorso anno del nostro festival. Le considerazioni del nostro associato prendono spunto in particolare dal lavoro del giornalista del Manifesto  Benedetto Vecchi, responsabile delle pagine culturali del quotidiano ed esperto di nuovi media, dedicato al nuovo modello economico delle techno companies, meglio conosciute alle nostre latitudini con l'acronimo OTT, Over the top.  Ma lasciamo la penna o meglio la tastiera a Marco Dal Pozzo, che ringraziamo, e al quale ci uniamo nell'augurarvi  buona lettura.   "La contrattazione dell'algoritmo è una battaglia tattica rispetto all'obiettivo più grande di rivedere i nuovi rapporti di lavoro in un sistema in cui, alla promessa della Sharing Economy, si è "arretrati" nel campo della Gig Economy in un percorso che ha lasciato senza casa politica e