data journalism

Applicare il FOIA #digit16

30 Settembre 2016 Tag:, , , , , , , ,

legge-foiaPrima ancora che un problema giuridico, l’applicazione del Foia in Italia costituisce una sfida culturale, per tutti gli attori coinvolti. Certamente si tratta di una sfida importante per le amministrazioni, culturalmente abituate a trincerarsi dietro il limite “soggettivo” all’accesso, ciò che rende spesso impossibile l’accertamento delle responsabilità, anche nel caso dei più noti #epicfail. Ma è una sfida anche per i giornalisti, poco abituati ad utilizzare lo strumento del diritto di accesso, anche perché culturalmente formati a praticare (e prediligere?) un sistema di reperimento delle notizie che viaggia su binari diversi. Ma è una sfida culturale anche per l’opinione pubblica, più spesso abituata ad esercitarsi nello sguardo dal buco della serratura: qui è concreto il rischio che il voyerismo per le retribuzioni e le proprietà immobiliari (del politico, del dirigente pubblico, del consulente, etc.) faccia scadere la trasparenza da strumento di accountability in prodotto scandalistico, con fenomeni di rigetto che possono diventare perniciosi. (altro…)

I numeri della sanità #digit16

27 Settembre 2016 Tag:, , , , , , , , , , , , , ,
saluteI dati che riguardano la salute (e l'ambiente) molto spesso non sono facilmente accessibili e se lo sono spesso risultano incompleti. Solo attraverso il lavoro di un giornalista e le competenze tecniche, matematiche, statistiche e di programmazione, di un collettivo di esperti, i dati diventano storie raccontate e visualizzate in modo chiaro. Il data journalism è un lavoro di squadra, raramente tutte le competenze che servono si riescono a trovare in un'unica persona. Cercheremo di capire cosa significa questo, e attraverso lo studio di alcuni progetti realizzati, come si racconta "la salute dei cittadini di un Paese" attraverso l'uso del "giornalismo dei dati". (altro…)

data journalism (segnalazioni dal mondo)

20 Giugno 2016 Tag:, , ,
data-viz-journalismPrendiamo spunto da una segnalazione dal mondo web, per parlare di data journalism. Ci pare che dopo il "lancio" iniziale, enfatizzato come salvifico per il giornalismo digitale, non sia cambiato granché, o meglio le premesse siano disattese. Dati aperti, condivisione di dati e strumenti, collaborazione dove sono finiti?  NiemanLab riportando la notizia di una collaborazione fra GlobalVoices e MediaCloud (  piattaforma open source che fornisce data set fonti di notizie e strumenti destinati all'analisi del come si realizza la copertura di una notizia) e grazie, soprattutto, alla grande operazione che Google sta facendo con il progetto DNI, apre una riflessione  su dati, giornalisti, tecniche e tecnici.... Dalla riflessione di NiemanLab alcuni stralci:  
"Da tempo, tento di analizzare più a fondo (tramite la disponibilità di dati e analisi quantitativa) le notizie sotto-rappresentate o mal raccontate online," afferma Ivan Sigal, direttore esecutivo di Global Voices,  "Abbiamo la possibilità di indagare in questo senso quando possiamo collaborare con esperti di dati della nostra comunità ma non siamo in grado di farlo su base regolare."
(altro…)

Come cambia il lavoro del giornalista

26 Aprile 2016 Tag:, , , , , , , , , , ,

fontanaChi entra in un giornale deve saper fare tante cose, deve saper fare il giornalista: cercare, trovare le notizie, selezionare, costruirsi rapporti con le fonti, sapere dove cercare ma anche produrre video, saper stare sui social, saper fare interazione con i lettori, collegare e costruire ipertesti. Come acquisite le nuove competenze necessarie per essere un buon giornalista del presente? Serve un mix di studio ed esperienza sul campo. 

Il lavoro del giornalista è cambiato e sta ancora cambiando molto. Questa una delle tesi principali esposte dal direttore del Corriere della Sera Luciano Fontana agli alunni del corso di "linguaggio giornalistico" dell'anno accademico 2015-2016 del dipartimento di Comunizione dell'Università di Padova tenuto dal professor Raffaele Fiengo, durante l'incontro-lezione tenutosi alla fine del corso con il direttore del Corsera intitolato "come cambia il lavoro giornalistico" , cui hanno partecipato anche anche Vincenzo Milanesi, direttore del dipartimento di filosofia, sociologia, pedagogia e psicologia applicata (FISSPA) e Renato Stella (presidente del corso di laurea in Comunicazione). (altro…)

Un atto per la libertà di informazione per l’Italia

20 Novembre 2015 Tag:, , , , , , , , , , ,
foiaTorniamo ad occuparci di FOIA e ne parliamo per annunciare la presa di posizione di un ente di diritto pubblico a favore dell'adozione anche in Italia  di un freedom of information act.   L'Ordine dei giornalisti della Toscana ha diffuso proprio oggi un documento, che copia-incolliamo qui sotto integralmente, in cui il consiglio dell'Odg toscano si impegna ufficialmente a favore del Foia,  e chiede a tutti i giornalisti della Toscana di promuovere l'adozione di questo documento  e di adoperarsi affinché tale azione venga sostenuta anche dagli organi di informazione in cui prestano la loro opera.   Un segnale importante, quello che arriva dalla Toscana, in particolar modo, a nostro avviso,  perchè giunge da una categoria professionale, quella dei giornalisti, che dovrebbe essere particolarmente interessata alla tematica della << liberazione dei dati >>. (altro…)