metà

Pace

16 Marzo 2022 Tag:, , , , , ,
Lungi da noi provare anche solo appena un pò a mettere le mani nella questione mondiale più intricata del momento. Ci riferiamo alla disgraziata aggressione russa ad un paese indipendente e sovrano quale è l'Ucraina. Trattasi di materia troppo complicata e assolutamente non alla nostra portata. Come la pensiamo è ben esplicitato, almeno lo speriamo, nel titolo e nell'immagine di apertura di questo articolo. Il resto è solo sgomento, dolore e sofferenza. Rimaniamo attoniti al cospetto dell'ennesimo fallimento dell'Uomo. Senza parole. Senza fiato.     Quello che vorremmo provare a indagare quest'oggi sono le tante implicazioni che anche in questa terribile occasione si stanno verificando dentro al nostro mondo. Quello del giornalismo, quello della comunicazione, quello degli studi sulla transizione digitale dentro al giornalismo e alla comunicazione.   Il primo evento degno di nota arriva qualche giorno dopo l'inizio del conflitto - che oramai nel frattempo è giunto quando scriviamo al ventesimo giorno - si tratta del ritiro progressivo delle principali piattaforme digitali dalla Russia, come conseguenza e - forse - anche, in qualche modo,  "sanzione",  - assieme a tutte le altre elaborate dai paesi europei e dalle Nazioni Unite  -  in altre parole i non belligeranti