formazione

Narrazioni e fatti

9 Marzo 2022 Tag:, , , , , , ,
Avete fatto caso che in questa nostra società sempre più piena zeppa di dati, dove le informazioni ci sommergono letteralmente, dove per riuscire a gestire questa sempre più imponente mole di elementi è divenuto necessario farsi aiutare e supportare direttamente dalle macchine: i fatti non esistono più o quasi e le notizie sono state risucchiate dalla spirale delle "narrazioni"? Non ha più importanza cosa è successo. Conta solo come viene raccontato e da chi.  Quando diciamo - anche qui - che serve ancora e sempre di più il giornalismo, ci riferiamo in parte anche a questo fenomeno. Una evidenza, che, in questi giorni,  con lo scatenarsi di una guerra dietro e dentro "casa nostra: Europa";  si sta rivelando in modo lampante.   Nella cosiddetta, società dell'informazione,  i fatti paiono scomparire via, via, lasciando spazio -  uno spazio sempre più grande - alle narrazioni. I racconti, non importa quanto corretti e circostanziati, stanno letteralmente sostituendo gli avvenimenti. Lo dice bene, anzi benissimo, il nostro collega e amico Nicola Zamperini in uno dei suoi ultimi articoli pubblicato sul suo canale Telegram "disobbedienze". Il pezzo si intitola: "Lasciate perdere Instagam, Twitter, Facebook e anche Telegram".  In esso,  lo

Musica per vecchi animali

20 Settembre 2020 Tag:, , , , , , , , , , ,
Quale potrebbe essere il brano, la canzone, l'opera, la sinfonia, l'aria leggiadra e sontuosa, per sottolineare la ricerca del luogo dove i vecchi animali vogliono andare a morire?  E cosa ha a che fare questa domanda con il testo di questo articolo, che sarà dedicato al giornalismo e ad alcune pratiche in uso nel mondo del giornalismo, perlopiù nostrano? Ce lo siamo chiesti anche noi mentre scrivevamo, e abbiamo pensato che  forse l'immagine di un vecchio animale che cerca un posto dove andare a morire ben si adatta al giornalismo, o meglio alla macchina giornalistico/imprenditoriale del nostro Paese. Il testo e poi il film di Stefano Benni, sono ancora ben impressi nella nostra memoria. Il peregrinare lieve di un magico Dario Fò e le sue disavventure fanta-politiche in un'universo distopico e surreale, assieme ad una adolescente ribelle e ad una ciurma di improbabili post apocalittici eroi "lumbard", sono lo sfondo ideale per raccontarVi alcuni fatti ugualmente apocalittici e surreali che stanno avvenendo nel mondo del giornalismo italico. Il primo fatto riguarda le prossime elezioni per il rinnovo del consiglio nazionale dell'Ordine dei giornalisti. In un'atmosfera cupa e glaciale, resa ancor più rigida dagli effetti

Buttare il bambino con l’acqua sporca

31 Maggio 2020 Tag:, , , , , , , , ,
Settimana densa, quella appena trascorsa. Densa di notizie, avvenimenti, fatti e azioni, alcune delle quali discutibili. E proprio perchè discutibili proviamo a discuterne, per non perdere traccia di questioni che potrebbero influenzare e non poco la formazione dell'opinione, quella pubblica, quella che il giornalismo dovrebbe salvaguardare in tutti i modi possibili e immaginabili. Quella cosa per cui da qualche tempo proviamo a spiegare la necessità di sostenere la "funzione giornalistica" e non il giornalismo in modo generico. Tre sono i fatti che ci hanno fatto pensare al titolo che vedete campeggiare in testa a questo pezzo. Il primo, il più importante - a nostro giudizio - è la chiusura con relativo sequestro giudiziario del Progetto Gutenberg. La notizia fa tremare i polsi e lascia senza fiato. Riassunta in estrema sintesi vede il blocco con sequestro del sito del progetto nato, come si legge su wikipedia, non per rubare o rendere lecito l'illecito, ma per fare divulgazione e conseguentemente estendere il più possibile e in ottica digitale il concetto di cultura:    
Il Progetto Gutenberg (Project Gutenberg, noto anche con l'acronimo PG) è un'iniziativa avviata dall'informatico Michael Hart nel 1971[1]

Tirocinio retribuito al Comitato delle Regioni: aperte le domande per la sessione autunnale 2019

5 Dicembre 2018 Tag:, ,
Il Comitato delle Regioni offre l’opportunità di svolgere un tirocinio retribuito presso le proprie strutture di Bruxelles. Fino al 31 marzo è possibile presentare la domanda per la sessione autunnale, che va dal 16 settembre al 15 febbraio.   Caratteristiche del tirocinio
  • durata di 5 mesi,
  • tempo pieno (40 ore alla settimana)
  • pagamento a fondo perduto di 1170 EUR. L’alloggio non è incluso ma sono previsti alcuni benefit come ad esempio lo sconto del 50% sui biglietti dei mezzi di trasporto e l’assicurazione contro gli infortuni.
  Chi può presentare la domanda
  • cittadini dell’UE ( o di uno Stato candidato ufficiale per l’adesione),
  • laureati universitari che hanno completato un diploma completo entro la data di chiusura per le domande e con ottima conoscenza di una delle lingue ufficiali dell’UE e conoscenza soddisfacente del francese o dell’inglese.
La preselezione e le interviste sono previste a maggio, mentre la selezione avverrà a giugno.     Per candidarsi e per avere ulteriori informazioni, link info: qui

FORUM GIORNALISTE DEL MEDITERRANEO 2018

20 Novembre 2018 Tag:,
Sono aperte le iscrizioni ai seminari gratuiti nell’ambito della terza edizione del Forum delle Giornaliste del Mediterraneo che si terrà a Bari e a Lecce tra il 22 e il 25 novembre 2018.   l 22 novembre  dalle 9.30 alle 18.30 presso la Sala Aldo Moro dell’Università di Bari di via C. Battisti si terrà il primo seminario, dal titolo “La voce delle donne dalle frontiere dei conflitti socio politici” e darà diritto a 8 crediti.   Il 23 novembre, sempre a Bari, sono previsti ben tre eventi consecutivi:
  • Dalle  ore 9.00 alle 12.00: “Cento esperte a sud tra scienza ed economia: sguardi differenti e progetti innovativi”. Il seminario darà diritto a 5 crediti dal valore deontologico e si terrà nell’Aula Don Tonino Bello dell’Università di Bari (Palazzo ex Enel) in via Crisanzio .
  • Alle ore 12:30 il prof. Gianluigi De Gennaro di UNIBA introdurrà i lavori del workshop intitolato “Raccontare i migranti: dieci anni della Carta Di Roma“. Presso il BALAB –  Centro polifunzionale Uniba (Palazzo ex Poste) in Piazza Cesare Battisti 1 (per iscriversi, cliccare qui, previo log-in alla piattaforma). Sono disponibili 4 crediti deontologici.
  • Dalle 15 alle 18 il seminario dal titolo “Politiche migratorie: i diritti negati”. Il seminario darà diritto