”Ho letto le condizioni e sono d’ accordo”, la più grande bugia della Rete

| 17 Agosto 2012 | Tag:

Hugo Roy, uno studente dell’ Institut d’ études politiques (IEP) di Parigi, ha messo a punto un sito web per dimostrare come la clausola ”Ho letto le condizioni del servizio e sono d’ accordo” sia la più grande bugia della Rete. Si tratta di Terms of service, che spiega come difendersi da questa colossale menzogna che rosicchia ad ogni internauta un pezzo della sua privacy. Ne parla Pino Bruno su Globalist

 

Azzecca-Garbugli sguazza nelle rete e la privacy muore

di Pino Bruno

 

Il dottor Azzecca-Garbugli sguazza nella rete. Hai voglia a cliccare sempre su Ho letto e accettato le condizioni di utilizzo. In realtà non ho letto proprio nulla e chissà quale patto col diavolo ho sottoscritto. D’altronde se non accetti e clicchi non puoi fare un tubo, navigare oltre quella soglia, farti assegnare un indirizzo di posta elettronica, consultare documenti, acquistare un libro o qualsivoglia altro prodotto, far parte di un social network. Accetti e clicchi questo mondo e quell’altro, perché sfido chiunque a leggere pagine e pagine zeppe di norme astruse, condizioni e controindicazioni, tutto e il contrario di tutto, quasi sempre in inglese o tradotte maccheronicamente in italiano. Il personaggio manzoniano permea il web, lo avvolge nella sua trama di codicilli, pronto a fotterci se qualcosa non va per il verso giusto.

 

Come difendersi? Fate un salto su questo sito, sapientemente creato da Hugo Roy, studente dell’Institut d’études politiques (IEP) di Parigi, per rendervi conto che

“Ho letto e accetto i Termini” è la più grande menzogna sul web.

 

Hugo e altri Hacktivisti si sono proposti di tradurre l’azzecca-garbugliese in un linguaggio semplice, comprensibile a tutti. Obiettivo: sintetizzare le condizioni d’uso di siti e servizi online, rivelare le insidie nascoste nei paragrafi a piè di pagina di ogni form di registrazione.

 

Il gruppo ha preso spunto da uno studio condotto dai ricercatori americani Aleecia M Mcdonald e Lorrie Faith Cranor, secondo i quali ci vorrebbero settantasei giorni per leggere tutte le condizioni d’uso in cui ci si imbatte in un anno. Si dovrebbe consultare un avvocato prima di cliccare e accettare, il che è impossibile.

 

La maggior parte di noi sottoscrive senza leggere e va avanti facendo finta di niente, ma ogni clic, ogni acconsento, è un pezzo di privacy che va via.

 

Tutti uguali? No, c’è la solita eccezione che conferma la regola: Wikipedia. L’enciclopedia partecipativa è un valido esempio di norme comprensibili e trasparenti, come si può constatare cliccando qui.

 

Nel resto della rete impazza Azzecca-Garbugli.

 

(Fonti: Le Monde, The Atlantic)

 

Print Friendly, PDF & Email

Leggi anche:

  • Profezie spagnole Prendiamo spunto quest’oggi da un articolo del nostro archivio del 2014. Si tratta di una riflessione, a dir poco, profetica, scritta da un grande giornalista spagnolo,  Miguel Ormaetxea. […]
  • Visti e sentiti nel 2021 (prima parte) Eccoci arrivati come ogni anno agli articoli di riepilogo di fine stagione. Una summa veloce e senza fronzoli - o forse con ? - del meglio del meglio dell'anno appena trascorso, qui, alle […]
  • Bitcoin di Stato La notizia dell'adozione pubblica, con comunicazione ufficiale, rullo di tamburi, squilli di tromba, e bacio in fronte del Presidente alla dea bendata con tanto di cornucopia, - o forse […]
  • Pezzi sparsi Quello che proveremo a fare oggi è mettere assieme alcuni sprazzi, lampi improvvisi che squarciano il buio. Intuizioni geniali. Chiavi di lettura. Segmenti che hanno un senso, almeno per […]
  • Giornalismo, dati e contagio Le tre T della strategia contro il contagio – tracing, testing, treatment - qui a bottega erano state evocate in epoca non sospetta con delle differenze rispetto a quelle divenute […]

I commenti sono chiusi.