Pubblicità: gli smartphone sono la più potente causa di distrazione dagli spot tv

| 31 Maggio 2011 |

Spot

I nuovi smartphone – e in particolare gli iPhone – sono la più potente distrazione dagli spot pubblicitari per chi guarda la tv: lo dimostra una recente indagine della IPG Media Lab e YuMe.

La ricerca – segnala Italiamac.it –  è stata effettuata monitorando 48 persone adulte, scelte sulla base della rappresentazione del consumatore medio, tanto che ogni loro movimento è stato accuratamente registrato. Sebbene la distrazione dalla pubblicità ci sia sempre stata, in 30 minuti di TV, ben il 94% delle persone è stato distratto, ed il 60% di queste distrazioni derivava dall’ uso del proprio smartphone.

Il motivo per cui gli smartphones rappresentano il maggior elemento di distrazione deriva dal fatto che gli utenti sono abituati ad essere connessi ad internet, attraverso iPhone e c., costantemente: non solo per leggere o inviare sms o mms, ma anche attraverso le applicazioni che mandano feedback o aggiornamenti di vario tipo.

Il tasso di distrazione non varia tra uomini o donne. Queste ultime però si ricorderebbero di più i contenuti delle pubblicità guardate. Infine la ricerca ha dimostrato che più lunga è la pubblicità più l’attenzione diminuisce.

Print Friendly, PDF & Email

Leggi anche:

  • Giornalismo italiano, più escort che watchdog Pier Luca Santoro, sul suo Giornalaio, denuncia il ‘’silenzio assordante che si era verificato già in altre occasioni e che conferma un sistema di controllo informativo ai limiti della […]
  • WoW, che libro Un libro a 6 mani potrebbe sembrare un problema di pigrizia, forse lo è anche, di sicuro lo scrivente che è anche l'ideatore del progetto da solo il libro non l'avrebbe mai […]
  • Giornalismo contro complottismo: meno imprecazioni e più inchieste L’ ultimo numero di Médiacritique(s), il trimestrale edito da Acrimed (l’ Osservatorio critico sui media), appena uscito in libreria, contiene un ampio dossier sul tema ‘’Media e […]
  • Media: il grande Mashup del 2011 In un paesaggio mediatico che appare colpito da un terremoto seguito da uno tsunami, sembra prevalere la contaminazione e la fusione dei media e delle piattaforme – Sul New York Times […]
  • Da Poynter un manuale di etica giornalistica nell’ era digitale Il Poynter Institute, uno dei principali centri internazionali di analisi e documentazione sul giornalismo, leader nel campo della formazione, ha annunciato la pubblicazione di un nuovo […]

I commenti sono chiusi.