YouTube: 95 video al mese per ogni utente Usa

| 8 Maggio 2010 |

ComScore

12,9 miliardi di video visti su YouTube in un mese, per 135 milioni di utenti. In media ogni utente ha visto 95 video di YouTube nel mese di marzo.

Sono gli ultimi dati relativi alla penetrazione dei video online ngli Stati Uniti diffusi  da comScore Video Metrix.

In media, rileva ElPais.com, negli USA l’ 84,8% degli internauti consuma video online.

YouTube raggiunge circa il 40% di penetrazione sul totale degli utenti che cedono video in rete.  Hulu, la piattaforma messa a punto tre anni fa dalle grandi catane televisive americane, è al secondo posto per penetrazione, con un 3.4% di distacco da YouTube.

Se ai dati di comScore si sommano alcuni studi comparativi sull’ impatto delle inserzioni video online rispetto a quelli delle tv (clicca sull’ immagine per allargare),” le aziende – rileva ElPais – hanno una insuperabile opportunità per rafforzare il richiamo, la rilevanza e l’ effetto pubblicitario”.

Print Friendly, PDF & Email

Leggi anche:

  • GIORNALI ONLINE: LA FINE DEL MODELLO A PAGAMENTO? Dopo l’ annuncio del New York Times di chiudere TimesSelect e di rendere libero l’ accesso al suo sito, Murdoch annuncia di non aver deciso ancora, anche se dice di essere favorevole […]
  • Per un “New Journalism”
    digitale
    La sopravvivenza dell’ informazione di qualità presuppone un nuovo approccio alla scrittura e alla cronaca.   L’ ispirazione potrebbe venire dal blogging e dalla narrazione […]
  • IMPUNITA’ GENERALIZZATA PER GLI ASSASSINI DEI GIORNALISTI Uno studio del Cpj – 580 reporter uccisi dal 1992 per il loro lavoro ------------------------ Un nuovo studio del Committee to protect journalists (CPJ) rileva che 580 […]
  • Frivolo Twitter? Assolutamente no Steve Outing, uno dei principali teorici e sviluppatori del citizen-journalism, spiega come i cronisti possono usare Twitter per ‘’velocizzare’ al massimo il flusso di notizie dal […]
  • SCOPRI NELLA LEGGE DOV’ E’ IL CLIENTELISMO Negli Usa una coalizione investiga sugli ‘’earmarks’’ delle leggi, piccoli commi che non c’ entrano niente con la legge stessa ma in cui si nascondono concessioni di soldi pubblici a […]

I commenti sono chiusi.