Litigiosi e offensivi i lettori dei giornali online catalani

| 28 Marzo 2010 |

Catalana
I risultati di una ricerca sul livello di partecipazione dei cittadini compiuta a Barcellona dal Consell de la Informaciòn, mostrano un’ attitudine prevalente al monologo e “una accentuata polarizzazione dei contrasti che sovrastano decisamente positività e desiderio di contribuire attivamente”

———-

“I lettori prevalentemente effettuano un solo commento e non pare emergere una effettiva volontà di dialogo bensì un’attitudine prevalente al monologo”.

Non è confortante l’ analisi del comportamento dei lettori attraverso i commenti lasciati sulle edizioni online dei giornali catalani, compiuta dal Consell de la Información de Cataluña tra ottobre e dicembre scorso. Ne dà notizia Il giornalaio, spiegando che la Ricerca era volta a verificare il livello di partecipazione dei lettori, i contenuti, gli argomenti di maggior coinvolgimento ed i meccanismi di controllo da parte degli editori.

Realizzato da un gruppo di lavoro costituito da diversi professori universitari della regione autonoma spagnola, lo studio ha messo in luce fra l’ altro che “scarsità degli argomenti forniti e, nella maggior parte dei casi, attitudine alla litigiosità ed all’insulto sembrano essere le connotazioni dei contributi con una accentuata polarizzazione dei contrasti che sovrastano decisamente positività e desiderio di contribuire attivamente”.

Politica ed economia sono i temi sui quali si concentrano la maggior parte dei commenti; lo sport è il fanalino di coda ma probabilmente – rileva Il Giornalaio – il risultato è inficiato dalla tipologia di testate prese in considerazione come il grafico sottostante sembrerebbe suggerire.

Complessivamente sembrerebbe che i commenti siano ben lontani dall’essere critiche rigorose, tesi più all’espressione di opinioni personali che al contributo per un raffinamento dell’informazione.

Print Friendly, PDF & Email

Leggi anche:

  • Open Data: dalla Basilicata un modello di Foia da esportare La presentazione pubblica della Proposta di legge lucana ha aperto nuovi possibili scenari allo sviluppo dell’ Open Data in Italia: il Freedom of Information Act - Una rete virtuosa di […]
  • Il Guardian senza paywall: ma è concorrenza sleale? Introdurre il paywall dovrebbe essere per il Guardian ‘’un imperativo morale”, per evitare di fare “concorrenza sleale” agli altri giornali. E’ la curiosa convinzione di David Carr e Ken […]
  • LA GEOCENSURA DEL NYT Con una mossa a sorpresa - rileva punto informatico - l'autorevole quotidiano americano utilizza sistemi di geofiltering per impedire agli utenti britannici di accedere ad un articolo […]
  • Idee “digit”ali Il 2 e 3 ottobre scorso si è svolta presso la Camera di Commercio di Prato la quarta edizione di digit, il festival nazionale dedicato al giornalismo digitale di cui noi di Lsdi siamo […]
  • “Il giornalismo, professione dai contorni vaghi” Secondo « Le journalisme, ou le professionnalisme du flou », un saggio dello studioso francese Denis Ruellan, il discorso sulla specificità delle competenze e delle pratiche […]

I commenti sono chiusi.