R.I.P.: Rocky Mountain News, quotidiano USA attivo da 150 anni

| 28 Febbraio 2009 | Tag:

Rocky Mountain NewsUn solo articolo nella prima pagina del Rocky Mountain News di venerdi scorso. Sotto il titolo: “Goodbye, Colorado”, si legge: “È con grande tristezza che oggi vi diciamo addio. L’epoca dei nostri resoconti sulla vita di Denver e del Colorado, della nazione e del mondo, è finita”.

Dopo quasi 150 di ininterrotte uscite quotidiane, chiude definitivamente il secondo quotidiano di Denver, Colorado, USA. Dopo tre mesi alla ricerca di acquirenti o altre soluzioni, l’editore E.W. Scripps Co. getta la spugna. Mentre il sito ne dettaglia le ultime fasi lavorative con video, foto e articoli, oltre a vari interventi sulla storia stessa del quotidano. Tutto ciò che ne rimarrà sarà l’archivio digitale e una manciata di microfilm.

Ennesima vittima della crisi economica, dell’avanzare di Internet e della diffusa debacle del giornalismo tradizionale? Certo, tutto vero, e nient’affato una novità. Lo conferma la contemporanea notizia di altra testata illustre allo stremo, il San Francisco Chronicle: è sotto di 50 milioni di dollari per il 2008 e ancora di più lo sarà nell’anno corrente. Reale il rischio di una prossima messa all’asta.

Eppure, è sempre triste vedere un giornale andarsene per sempre, ancor più se nel panorama da un lato super-corporate e dall’altro iper-decentrato della realtà a stelle e striscie. Dove pur con tutte le possibilità offerte da Internet e il potere indiscusso del tube-tv, per molte persone il foglio cartaceo giornaliero rimane il vitale cordone ombelicale con il locale e il globale, cruciale strumento di scambio e riflessione, necessario food for thought. Senza contare gli annessi rilanci sul web e, nello specifico, il fatto che Denver conta circa 600.000 abitanti ed è il 10. maggior centro imprenditoriale degli USA – un solo quotidiano pare davvero poca cosa.

Almeno l’addio sarà “spettacolare”, ha spiegato l’editore, con un inserto commemorativo di 52 pagine e tiratura di 350.000 copie, rispetto alla circolazione media di 210.000. Mentre i 230 impiegati verranno pagati fino a fine aprile. “È difficile descrivere il tacito senso della nostra missione”, si legge in un’editoriale odierno. “Avevamo un’ideale chiaro di quel che il Rocky doveva essere, e abbiamo lavorato ogni giorno per raggiungerlo. In fondo al cuore, eravamo tutti fratelli e sorelle. Si dice che tutte le cose belle debbano finire. È stato un privilegio aver fatto parte di questa bella storia”.

Print Friendly, PDF & Email

Leggi anche:

  • Ancora cattive notizie dalla stampa USA La crisi che pervade il mondo dell'informazione statunitense miete un'altra vittima. Stamani il quotidiano Ann Arbor News, pubblicato da 174 anni nell'omonima città con circa 120.000 […]
  • Il canto del cigno della stampa Usa La triste parabola del Rocky Mountain News, chiuso dopo 150 anni e quattro Premi Pulitzer, rappresenta meglio di qualsiasi altro esempio la drammatica crisi di tutto il settore - […]
  • Twitter: un secondo funerale, no! Le proteste della redazione del Rocky Mountains News hanno impedito che venisse “coperta” con Twitter la cronaca di un altro funerale, come era accaduto qualche giorno fa con quello di […]
  • Una Carta europea del giornalismo partecipativo Presentata a Bologna in occasione della proiezione dei primi lavori di video giornalismo partecipativo realizzati da CityLab,la Carta punta a fornire ai cittadini il mezzo necessario per […]
  • Internet Festival, grande interesse dal vivo e in Rete Oltre 65 mila persone si sono connesse sui canali ufficiali Youtube, Facebook, Twitter, dirette in streaming e sito della edizione 2012 di Internet Festival, manifestazione […]

I commenti sono chiusi.