Giornali: contro la crisi un modello ibrido web-stampa

| 6 Giugno 2009 |

Le valutazioni di Moody’s in uno studio diffuso giovedì scorso e analizzato da Editor&Publisher

———-

C’ è una soluzione immediata per risolvere i problemi del settore Newspaper: abbandonare il ‘’paper’’ e puntare tutto sulle ‘’news’’. Almeno secondo Moody’s.

Lo segnala Editor & Publisher annunciando uno studio, diffuso giovedì, in cui Moody’s cita, fra l’ altro, una ‘’disfunzione strutturale’’ visto che i quotidiani spendono il 70% del loro budget in stampa, distribuzione e gestione del personale, mentre solo il 14% va alla creazione dei contenuti (il restante 16% va alla struttura per vendita della pubblicità).

John Puchalla, il vicepresidente di Moody’s che ha firmato il Rapporto, non si spinge fino a raccomandare di andare verso un modello web-only, ma spiega che un ‘’modello fortemente ibrido’’, con prevalenza online e una frequenza ridotta del ricorso alla stampa, potrebbe invece funzionare.

Print Friendly, PDF & Email

Leggi anche:

  • Un miliardo di smartphone verranno venduti nel 2016 Il lancio dell’ iPhone 5 di Apple dovrebbe accelerare la crescita delle vendite di smartphone nel mondo, secondo Hiroshi Hayase, vicepresidente di DisplaySearch. Quest’ anno infatti, […]
  • Anche la Germania scopre che è arrivata la crisi ‘’C' è una forte atmosfera di svolta e di sbandamento’’, racconta Ken Doctor su NiemanLab . Con la vendita del tutto inaspettata dei due principali quotidiani di Amburgo e Berlino da […]
  • I nuovi militanti dell’ informazione “positiva” Così titola su Journalisme.info Fatna Messaoudia un articolo in cui racconta come l’ informazione “positiva”  stia cominciando ad invadere il paesaggio mediatico. Almeno in Francia. […]
  • Un jukebox per informazioni online I grandi gruppi editoriali cominciano ad attrezzarsi sul serio e a progettare nel concreto il passaggio all’ online a pagamento, ma ancora non è chiaro quali  […]
  • Haiti: il primo Twitter-disastro ’L’ Apocalisse nell’ era del 2.0’’, una tesi di laurea sul modo con cui i social network hanno contribuito alla diffusione dell’informazione nelle prime 24 ore dopo il tremendo […]

I commenti sono chiusi.