Siti web politici: bene Pdl,Pd e Idv mentre migliora quello della Lega

| 12 Dicembre 2008 | Tag:

idv.jpg L’ Udc invece non investe sulla rete come dovrebbe – I risultati dell’ ultimo monitoraggio sulla comunicazione politica in Italia condotto dal Gruppo di lavoro di Francesco Pira all’ Università di Udine

———-

Vanno bene i siti di Pdl, Italia dei valori e Partito democratico, migliora quello della Lega, mentre l’ Udc non investe sulla rete come dovrebbe.

E’ la sintesi dei risultati dell’ edizione 2008 del Monitoraggio dei siti web politici compiuto dal gruppo di lavoro sulla comunicazione online dei 5 partiti presenti in Parlamento costituito nell’ ambito el corso di laurea in Relazioni pubbliche della facoltà di Lingue dell’ Università di Udine, coordinato da Francesco Pira.
L’ edizione 2008 del Monitoraggio ha affrontato per la prima volta “un quadro politico fortemente modificato dalle ultime elezioni politiche che hanno visto la drastica riduzione del numero di partiti e movimenti politici rappresentati nell’arco parlamentare – spiega il professor Pira, sociologo della comunicazione  -. Il nuovo assetto che si è venuto a creare è la motivazione di base per la quale quest’anno il monitoraggio prende in esame soli i maggiori partiti rappresentati in Parlamento, con l’obiettivo di verificare non solo lo stato dell’arte dei siti, con due nuovi partiti, ma anche di verificare gli stili comunicativi che alla luce di quanto emerso si sono rivelati alquanto diversi gli uni dagli altri”.

«Non notiamo grandi sconvolgimenti in Italia – precisa Pira – mentre negli Stati Uniti e in Francia registriamo un uso della rete molto diverso. Degli sforzi sono stati fatti in particolare dal Partito Democratico, dal Popolo delle Libertà e dall’ Italia dei Valori. La Lega Nord ha recepito le nostre critiche dello scorso e ha apportato alcune importanti modifiche. L’Udc invece abbiamo l’impressione che non creda molto sulla rete».

Tra le curiosità che vengono rilevate nella ricerca anche la possibilità per tutti gli utenti della rete di registrare il consiglio comunale della propria città o del proprio paese e pubblicarlo sul portale dell’Italia dei valori.

«Lo sviluppo che i portali politici – conclude Pira  – hanno avuto negli ultimi mesi è a più vie. Il Pd e l’Italia dei Valori si avvicinano sempre di più ai loro potenziali elettori spingendo su una sorta di struttura dialogante. Quella del Popolo della Libertà, ricca di contenuti è più protesa a far vivere una struttura di indottrinamento e di servizio che non sempre tiene conto delle esigenze di interazione con l’elettore, anche non fidelizzato. La Lega Nord utilizza il web come ulteriore strumento di mobilitazione. L’Udc non ha fatto alcuna modifica rispetto al 2007».

La ricerca in dettaglio è disponibile sul sito www.francescopira.it

Print Friendly, PDF & Email

Leggi anche:

  • Profondità e superficie Ogni tanto accade che da queste parti si vada a scavare dentro agli archivi e si propongano contenuti di qualche anno addietro, talvolta anche molti anni, per riprendere segnalazioni, […]
  • Viva la stampa morta e viva Abbiamo questa raccolta di articoli del nostro passato sui cui riflettere e poi ricominciare a pensare e poi dopo riflettere un'altra volta. Scherzi a parte, questa settimana facciamo una […]
  • Profezie spagnole Prendiamo spunto quest’oggi da un articolo del nostro archivio del 2014. Si tratta di una riflessione, a dir poco, profetica, scritta da un grande giornalista spagnolo,  Miguel Ormaetxea. […]
  • Il nostro nuovo lavoro Partendo da un post del 2006 - 16 anni fa non zucchine - proviamo a parlare di giornalismo, di quel tipo di giornalismo che ci piacerebbe molto vedere praticato da molti nostri colleghi, […]
  • Generazione tik tok (prima parte) Partendo dai tik tokers, e andando a ritroso fra instagrammers,  followers, o "semplici", web surfers; potremmo scoprire e scoprirci digitali, molto digitali. Molto più digitali di quanto […]

I commenti sono chiusi.