La pubblicità online comincia ad emigrare in outsourcing

| 26 Maggio 2008 | Tag:,

Il logo di avVenta La realizzazione di varie campagne, anche per colossi come GM, Microsoft e Banca d’ America, si sposta dalla Silicon Valley in paesi come Costa Rica, Bulgaria o Ucraina – A causa della complessità di alcune campagne, della ricerca di nuovi talenti ma anche di risparmi fino al 50% – Un articolo su Visionpost

———-

Alcune grandi campagne pubblicitarie online, che fino a poco tempo venivano progettate e prodotte nel cuore della Silicon Valley o a New York, cominciano ad essere realizzate fuori dalla California e dagli Stati Uniti.

Lo segnala Emanuela Di Pasqua in un articolo su Visionpost, citando il caso di campagne studiate per aziende come la General Motors, Microsoft e la Banca d’America.

Il fenomeno sarebbe dovuto a una “crescente attenzione ai costi” dovuta anche alla tendenza a “costruire campagne pubblicitarie per il web sempre più intricate, che richiedono molto lavoro per raggiungere una pluralità di siti con diverse varianti dello stesso messaggio pubblicitario. E questo nuovo volto dell’ advertising, sempre più labour-intensive – rileva Di Pasqua -,  ha spostato la produzione e persino la ricerca di nuovi talenti. Le grandi campagne pubblicitarie destinate alla rete vengono infatti realizzate altrove”. In particolare,  “paesi in cui si parli l’inglese e nei quali ci sia una forte esperienza nel design e nello sviluppo: Costa Rica, Bulgaria, Ucraina, nazioni sufficientemente allineate nel know how, ma dove il lavoro continua ad avere prezzi più competitivi”.

“Una delle aziende leader nella pubblicità per internet – racconta Visionpost – è avVenta Worldwide: 415 impiegati distribuiti tra San Josè in Costa Rica, Kiev in Ucraina e Londra. Altri nomi dell’industria dell’advertising online sono Stanga, con sede in Bulgaria, e Prodigious Worldwide”.

A guidare questa nuova ondata di outsourcing, in un settore peraltro insospettabile – spiega Di Pasqua -, è certamente una questione di prezzi, considerato che mediamente i grandi marchi realizzano un risparmio che va dal 20 al 50 per cento rispetto alle tariffe richieste dalle agenzie statunitensi.

Ma – conclude l’ articolo – “esiste anche un ripensamento delle strategie da parte degli inserzionisti e, con una pubblicità che si sposta sempre più dai canali tradizionali a quelli digitali, c’è anche una ricerca di nuovi linguaggi e di nuovi talenti. Per avere un ordine di grandezza del business dell’advertising online in outsourcing basta sbirciare i fatturati di avVenta degli ultimi anni: 1,4 milioni di dollari nel 2006, 11,5 milioni di dollari nel 2007 e un’aspettativa che oscilla tra i 20 e i 22 milioni di dollari quest’anno”.

Print Friendly, PDF & Email

Leggi anche:

  • Pubblicità: nel 2012 negli Usa l’ online supererà la carta Nel 2012, per la prima volta, gli investimenti pubblicitari nell’ online negli Stati Uniti supereranno quelli su carta. La previsione di eMarketer è illustrata da questa tabella. Secondo […]
  • Oltre i 18 miliardi di dollari la pubblicità su internet negli Usa nel 2007 ---------- Dodici miliardi di dollari nel 2005, 16 nel 2006, e oltre 18 miliardi di dollari nel 2008. Questa la spesa per la pubblicità sui siti web degli Stati Uniti […]
  • Guerra civile Ve lo confessiamo, quando abbiamo inventato questo titolo e poi l'abbiamo scritto,  e poi visto pubblicato, ci siamo sentiti un pochino super. Chi non conosce la saga degli Avengers, e i […]
  • Processo alle OTT Come sapete molto bene,  visto che siete qui, la nostra posizione sui cosiddetti "Over The Top" è molto critica, non negativa a priori,  ma attenta e non subalterna. Negare l'esistenza del […]
  • Nel buio la democrazia muore Venerdi 7 aprile nella Sala dei Notari del Festival internazionale di Perugia 2017, Cameron Barr, introdotto da Lucia Annunziata, direttrice di Huffington Post Italia, ha fatto uno speech […]

I commenti sono chiusi.