NEWSTRUST: UN RATING COLLETTIVO PER IL GIORNALISMO DI QUALITA’

| 7 Dicembre 2006 |


La nuova iniziativa sul fronte del citizen journalism, appena lanciata in Usa, si affida a un insieme di parametri per identificare collettivamente il grado di fiducia che si può accordare ai vari articoli della stampa americana e per aiutare quindi i cittadini a ‘’prendere decisoni informate’’ –

————

di Bernardo Parrella

Appena lanciato in fase sperimentale (in beta), ecco NewsTrust, nuovo progetto non profit centrato sul citizen journalism, con base a nord di San Francisco. Guidato da un team di valenti giornalisti in ambito digitale e con il supporto di pionieri quali Howard Rheingold e Dan Gillmor, l’iniziativa punta a «seguire l’informaziona nazionale e aiutare i cittadini a prendere decisoni informate sulla democrazia».

Come suggerisce il nome stesso della testata (“notizie di cui fidarsi”), scopo cruciale è quello di creare un servizio di ‘rating’ onde assistere il pubblico a identificare il giornalismo di qualità. Obiettivo raggiunto grazie all’inter-attiva collaborazione di appositi panel di cittadini, studenti e
giornalisti: a loro spetta proporre e selezionare gli articoli da centinaia di testate mainstream e alternative, verificarli rispetto ad affidabilità, equilibrio e originalità. A ciò vanno aggiunte le preferenze degli utenti, espresse con un massimo di cinque stelle, per arrivare così all’eventuale pubblicazione sul sito, con ulteriore distribuzione tra membri e partner.

In pratica, un network di social news dedicato al giornalismo di qualità, la cui comunità vanta un background e capacità assai variegate. Inclusa la condivisione dei profili personali e altri tool atti a individuare collettivamente il meglio dell’informazione odierna made in USA.

————

Di NewsTrust parlano anche Raffaele Mastrolonardo qui e Nicola Bruno qui .

Print Friendly, PDF & Email

Leggi anche:

  • I cattivi aggregatori fanno un danno al buon giornalismo E’ l’ allarme lanciato da Dan Gillmor in un intervento pubblicato dal Guardian e tradotto dall’ ultimo numero dell’ Internazionale – ‘’Alcuni aggregatori di solito mettono il link […]
  • CNN taglia 50 addetti in redazione e potenzia il citizen journalism, polemiche in Usa ‘’Far diventare il materiale inviato dai cittadini la parte principale della produzione può essere una scelta di corto respiro’’ – L’ azienda si difende: non intendiamo sostituire il […]
  • Go Pokemon Go Pokemon GO  è un gioco che grazie ad un'interfaccia di realtà aumentata permette di catturare personaggi della fantasia << i pokemon >>, appunto,   non nel gioco ma dentro […]
  • Il giornalismo non si vende, si compra! ‘’Il giornalismo non si vende, il giornalismo si compra’’. E’ lo slogan di una campagna di promozione di un nuovo sito web spagnolo, Factual, lanciato dal giornalista catalano Arcadi […]
  • Twitter, droga pesante per i giornalisti Il racconto di Jean-Christophe Féraud, capo del settore high-tech di les Echos e twitter-addict, come egli stesso ammette, in una intervista a Owni.fr. in cui parla a lungo anche di […]

I commenti sono chiusi.