video

Ricette per il caos – una rilettura dal 2006

18 Agosto 2021 Tag:, , , , , , , ,
  Rieccoci a Voi con il secondo dei  tre articoli tre, ripescati dal nostro archivio e riproposti. Siamo ancora nel 2006, anno di profezie e felici intuizioni - almeno qui -  e ci troviamo a parlare di un libro. Un testo davvero molto particolare che introduce un concetto innovativo, anzi rivoluzionario, ma che da allora troveremo e ritroveremo in continuazione, non solo su questa bacheca ma ovunque nel mondo.  Essere o non essere giornalisti e/o comunicatori oggi? Dopo l'avvento di internet. Dopo la rivoluzione digitale. Dopo la transizione del mondo - più o meno rotondo -  da società dei consumi a società dell'informazione. Nel 2006 arriva questo testo che ci induce a ripensare, forse una delle prime volte, il rapporto fra informazioni/notizie/giornalismo e persone/consumatori/produttori. E ci invita a renderci "media", noi medesimi, dentro a questo nuovo ecosistema digitale in cui è stato trasformato il nostro mondo. Rileggere quell'articolo potrebbe essere utile per rimettere un minimo di ordine - si fa per dire - fra le cose che sono davvero avvenute dopo l'avvento del digitale, e farci pensare un momento, con calma, al futuro, e a come vorremmo davvero relazionarci con esso. Alla rilettura,

Cosa intendi per domenica

23 Agosto 2020 Tag:, , , , , , , ,
Non se ne avrà per male l'autrice - speriamo - se abbiamo preso in prestito il titolo di un suo libro per dare un nome al post odierno. Simona Bencivelli, che del libro è stata ideatrice e redattrice, del resto faceva parte di una piccola pattuglia di autori che abbiamo ospitato dentro un panel dell'edizione 2013 del nostro festival "digit". Un panel proprio dedicato alla presentazione di una serie di "nuovi" - allora -  testi, dedicati al mondo del giornalismo, dell'informazione e della comunicazione. Il libro di Simona, autrice eclettica, scienziata, giornalista e dottore in medicina, fra le altre cose, raccontava, in tono semi-serio,  una  condizione di vita ancora molto presente nel nostro Paese, quella delle "cosiddette Partite Iva". I free lance, meglio conosciuti come lavoratori autonomi, che di autonomo in genere hanno tutti gli oneri e pochissimi onori; molto presenti ovunque nel mondo del lavoro, anche fra i giornalisti. Una parte non tutelata, o quasi, in nessuna categoria - vedere il contratto giornalistico per capirsi - e che viene costantemente vessata e messa alla gogna, non si capisce bene perché, da ogni governo, maggioranza, e formazione politica varia. Anche da quelli che

DIG AWARDS 2017 – CALL FOR ENTRIES

10 Marzo 2017 Tag:, , , , ,
Il Video è il protagonista dei DIG AWARD! Ancora aperte le iscrizioni per la categoria DIG Pitch. I DIG Awards premiano l’eccellenza giornalistica e incoraggiano il lavoro dei reporter che utilizzano il video per investigare temi di attualità. Il bando è rivolto a produzioni nazionali e internazionali realizzate da freelance, videomaker, giornalisti di staff, fotografi, reti televisive, quotidiani, agenzie, distributori, associazioni, cooperative, istituzioni operanti nel campo dei new media e della formazione.   La categoria DIG Pitch  è riservata a progetti di inchiesta e reportage video in sviluppo o pre-produzione, focalizzati su temi di particolare rilevanza sociale, economica e politica per i Paesi europei. Al vincitore di questa particolare sezione  è attribuito un premio di euro 20.000, vincolato alla produzione del lavoro.   I finalisti di DIG Awards saranno invitati alla Cerimonia di premiazione che si terrà Sabato 24 giugno a Riccione, in occasione del DIG Festival, durante il quale ci saranno inoltre workshop, panel e performance live.   SCADENZA: 31/03/2017 alle ore 12.00 INFORMAZIONI Tel. + 39 329 5608098 info@dig-awards.org Qui il Bando 2017      

Erasmus

30 Marzo 2016 Tag:, , , , , , , ,
Amount of direction signs with europeans countries names. Una studentessa del corso di Linguaggio Giornalistico del Prof. Raffaele Fiengo, uno dei fondatori e maggiori contributori di Lsdi, docente nel corso di laurea in Comunicazione dell’Università di Padova, ha provato con una tesina a spiegare il fenomeno << Erasmus >>. Il documento - come dice in una breve nota di accompagnamento lo stesso professor Fiengo - si intitola proprio Erasmus ed è stato preparato dalla studentessa Giulia Pedrina per la prova d'esame di "Linguaggio giornalistico", del corso di laurea triennale in Comunicazione dell'università di Padova. (altro…)

Video, la nuova ed eccitante sfida del giornalismo su dispositivi mobili

9 Luglio 2014 Tag:, ,
Garcia0 Con gli smartphone eletti a dispositivo preferito, i video come mezzo di informazione acquistano importanza fondamentale. E quindi occorre focalizzarsi sul modo migliore di utilizzarli per potenziare la comunicazione sulle piattaforme mobili.   Ne parla diffusamente  Mario R. García in un interessante articolo sul suo blog, spiegando che il video va imponendosi come il formato più adatto per tablet e smartphone. (altro…)