Tesi di laurea

Il linguaggio giornalistico fra Twitter e il longform journalism

24 Ottobre 2014 Tag:, , , ,
SlowmediaDa una parte la tendenza alla brevità del messaggio, che vede in Twitter il format più esemplare, dall’ altra il giornalismo narrativo – il long-form journalism - con il Manifesto degli slow media e testate come Revue XXI.   A prima vista potrebbe sembrare una contraddizione, ma se si guarda da una prospettiva più ampia prende corpo in realtà una sorta di simbiosi. La forma breve e quella lunga sono, in un contesto come quello della rivoluzione tecnologica, l’ una complementare dell’ altra.   (altro…)

Morti sul lavoro: ma i media non riescono ad andare a fondo/aggiornamento

13 Dicembre 2008 Tag:, ,
out-811.jpg Una tesi di laurea in Scienze della Comunicazione (“Una Repubblica fondata sul lavoro – morti, infortuni e malattie professionali in Italia e nel Veneto”) traccia una analisi del gravissimo fenomeno e delle cause per cui la questione è stata a lungo trascurata dai media – Anche quando le tragedie la riportano in prima pagina, comunque, le vicende individuali finiscono per prevalere sull’ analisi del problema, la cui reale dimensione continua a sfuggire anche agli addetti ai lavori
Aggiornamento: Pubblichiamo due parti della tesi: un' analisi dei settori più colpiti e il capitolo dedicato all' amianto
(nella foto: una maglietta con i volti delle vittime della Thyssen-Krupp)
----------

di Elisa Bonomo*

La questione delle morti sul lavoro è stata a lungo trascurata dai media. E non perché non fosse conosciuta dalle istituzioni, ma perché era scomodo parlarne per le dimensioni del problema. Basti pensare che nel 1962, in una storica edizione di “Canzonissima”, Dario Fo e Franca Rame ne volevano fare uno sketch e vennero censurati dalla RAI per 15 anni.

A distanza di

Un blog/tesi di laurea sul citizen journalism

1 Ottobre 2008 Tag:, ,
out-145.jpg Una studentessa in Media e giornalismo all’ Università di Firenze ha avviato da un mese un blog in cui registra la progressiva “costruzione” della tesi – L’ analisi punta a “capire qual è il ruolo di un giornalista-professionista nell’ epoca del Web 2.0 e del citizen journalism” ----------

"A luglio 2005, per caso ero testimone di un’incidente navale in Montenegro, e di conseguenza, il giorno dopo le mie fotografie dell’evento sono finite in prima pagina del giornale più letto del paese.

In quel momento, mi sono chiesta per la prima volta qual è la differenza fra un giornalista “vero” ed una notizia valida fornita da un cittadino comune.

All’epoca, ero interessata già da tempo in giornalismo, ed avevo appena finito il corso per il corrispondente dall’estero presso Transitions Online, dove mi hanno insegnato come agire nel caso mi si presentasse un’occasione di testimoniare un infortunio.

E comunque, mi è rimasto il dubbio se fornire le foto al giornale nel mio caso era un gesto da un giornalista-professionista, o semplicemente da un cittadino