siti web

Nuovi siti web: è solo questione di metodo

13 Giugno 2014 Tag:, , ,
538 Una singolare differenza fra le vecchie testate giornalistiche e i nuovi siti che stanno emergendo, soprattutto negli Stati Uniti, è che questi ultimi non si differenziano fra di loro per l’ area di copertura, ma, al contrario, per il metodo di copertura.   Lo segnala, su The Atlantic, Alexis C. Madrigal in un articolo dal titolo ‘’Method Journalism’’, spiegando che di fatto non esiste nemmeno più un’ area di copertura e che la distinzione quindi avviene non sul cosa ma sul come.   (altro…)

161 milioni di visitatori sui siti web dei giornali Usa, ma solo per 1,1 minuti al giorno

1 Maggio 2014 Tag:, , , , ,
UsaDue terzi degli adulti americani – 161 milioni di persone – hanno visitato a marzo i siti web dei quotidiani, ma il tempo medio dedicato ad ogni visita è stato un anemico 1,1 minuti al giorno.   Lo segnala Alan D. Mutter sul suo Reflection of a Newsosaur.     (altro…)

Dieci consigli per migliorare i siti web

26 Novembre 2008 Tag:, ,
twist-image.jpg Il decalogo, semplicissimo, di Mitch Joel, uno dei maggiori specialisti di marketing online ----------

Mitch Joel, uno dei maggiori specialisti di marketing online, ha diffuso nei giorni scorsi sul suo blog dieci consigli a giornali e riviste  per migliorare i loro siti web.

Non sono cose dell’ altro mondo. Philippe Couve , su samsa.fr, le sintetizza così.

  1. Praticare il giornalismo di link – Molti giornali propongono ancora pochi link in uscita (vedi anche Lsdi, Un uovo sito per promuovere il giornalismo dei link) . E’ invece essenziale dal punto di vista dell’ internauta e per l’ ottimizzazione per i motori di ricerca  (SEO).
  2. (altro…)

I siti web dei giornali Usa cresciuti del 16%

26 Ottobre 2008 Tag:, , ,
Dati positivi annunciati dalla Newspaper Association of America (NAA) – Boom anche nelle pagine viste e negli utenti attivi ----------

I siti web dei giornali Usa sono cresciuti di quasi il 16% nel terzo trimestre di quest’ anno, raggiungendo i 68,3 milioni di lettori unici contro i 59 milioni dello stesso periodo dell’ anno scorso.Sono i dati che la Newspaper Association of America (NAA) ha annunciato in questi giorni.

out-98.jpg
Mediamente anche le pagine viste ogni mese sono cresciute (25,2%) rispetto allo stesso periodo dell’ anno scorso, passando da 2,8 a 3,5 miliardi,  secondo la NAA.

I siti web dei giornali hanno raggiunto un record anche per quello che riguarda la percentuale degli utenti attivi di internet che visitano i siti online in un mese, passando dal 37,14 al 41,42%.  E sono fortemente cresciute anche le pagine viste, passate da 2,8 a 3,5 miliardi. 

“Che siano su carta od online – ha rilevato John Sturm, presidente e Ceo della NAA – i giornali sono i principali

In forte crisi le testate di citizen journalism “puro”

22 Aprile 2008 Tag:, ,
Il logo Lo testimonia John Ndege, il creatore di ScribbleSheet , un sito di CJ che è stato appena costretto a chiudere – Anche lo stesso termine di citizen journalism starebbe diventando “impopolare” - La soluzione potrebbe essere il “Networking journalism”? ---------- Anche simbolicamente la chiusura di Bayosphere (uno dei più avanzati esperimenti di citizen journalism lanciato negli Usa da Dan Gillmor) sembra costituire una sorta di spartiacque.

E’ caduto un tabù e ora, dopo la concitata esaltazione degli anni scorsi, il dibattito sul giornalismo dal basso comincia a registrare seriamente anche delle voci preoccupate.

Qualcuno rileva anzi che il termine stesso di “citizen journalism” sta cominciando a diventare “impopolare”, per la confusione che circonda quello che è e quello che non è.John Ndege ad esempio,  un esperto britannico di tecnologie e nuovi media, che è stato costretto da poco a chiudere ScribbleSheet, un sito di citizen journalism.

In un articolo su Journalism.co.uk  Ndege analizza quello che, secondo lui, sta succedendo.  
(altro…)