robin good

Da brand a friend. Il nuovo libro di Robin Good

30 Luglio 2017 Tag:, , ,
Come si diventa un punto di riferimento credibile su Internet? Come ci si distingue dagli altri quando tutti urlano, pubblicano e condividono a più non posso? Robin Good suggerisce una strategia basata sul posizionamento di nicchia, sulla condivisione di vero valore e sulla capacità di coltivare un seguito di fan appassionati per i quali creare prodotti e servizi su misura.   Questa strategia ha come valore chiave la condivisione ed è sintetizzata nei cinque passi della "Formula di Sharewood": individua la tua nicchia di mercato online; costruisci la tua credibilità condividendo contenuti di valore; coltiva un seguito di fan appassionati; ascolta e scopri le loro necessità specifiche; crea prodotti e servizi su misura. Le persone si fidano sempre meno se i grandi brand e scelgono marchi e produttori, anche piccoli, che ci mettono la faccia, che offrono trasparenza, che sono allineati con i loro valori e che sono disposti non solo a promuovere, ma anche ad ascoltare.   Fondato su un'analisi accurata del funzionamento di Internet e dei comportamenti delle persone nell'era dei social media, ricco di esempi, strumenti pratici e riferimenti, "Da brand a friend" è un invito ad abbandonare i

Una grande confusione

2 Dicembre 2015 Tag:, , , , , , , , , , ,
codaRiceviamo questa riflessione da una collega e, dopo averle chiesto il permesso, la pubblichiamo integralmente cercando di condividere  i suoi dubbi e aiutarla assieme al contributo di ciascuno di Voi nel provare a chiarirli o quanto meno a renderli meno assillanti, ci riusciremo? Intanto leggiamo insieme cosa ci scrive:  
<< So che questa mia  apparirà come l'ennesima richiesta di pronto soccorso che si rivolge al giornale o sito di turno, però spero di meritare un po' della vostra attenzione, e di conseguenza una risposta. Si fa da tempo un gran parlare di blog, non blog, crisi, il giornalista ci sarà sempre e bla bla a continuare. Io stessa ho seguito alcuni vostri panel, però a dirla tutta, da utente (forse un po' distratta ), io sento e vedo UNA GRANDISSIMA CONFUSIONE nella comunicazione di quel che potrebbe essere il futuro del giornalista disoccupato come me, oggi. Le vere offerte sono disponibili per pochi addetti ai lavori, e se non si ha una squadra dietro, difficile emergere. Faccio un esempio: in un panel sul giornalismo imprenditoriale si parlava del gran successo di Varese News, e il direttore diceva che è possibile anche realizzare un'attività imprenditoriale autonoma. Bene, a parte le americanate che

Curation ovvero giornalismo

25 Febbraio 2015 Tag:, , , , , , , , , ,
ContentCuration1La cultura digitale va compresa, per farlo bisognerebbe provare a fare i classici tre passi indietro come proponevano i cartellini delle "probabilità" ma anche quelli degli "imprevisti" del Monopoli, e ricevere gli auguri di rito. Cercare la visione d'insieme e non il particolare, comprendere che il mutamento è già ampiamente avvenuto e quindi che arroccarsi su posizioni di difesa non serviva, non serve e anzi ha creato e crea problemi, non soluzioni. (altro…)