professionisti

Voucher formativi destinati a giovani professionisti della Regione Toscana. Scade il 30 settembre 2017.

18 Settembre 2017 Tag:, , , ,
La Regione Toscana, attraverso il Fondo Sociale Europeo,  mette a disposizione delle agevolazioni per la crescita e l'aggiornamento professionale dei giovani iscritti agli albi professionali di ordini e collegi e di coloro che esercitano professioni non regolamentate. La  misura  è  volta  a  supportare  interventi  individuali  di  formazione  continua per  aumentare  le  competenze  e  sostenere  la  competitività  professionale  dei  giovani lavoratori autonomi intellettuali.   Il finanziamento avviene sotto forma di voucher individuali, per la copertura, totale o parziale di:
  • spese per corsi di formazione e aggiornamento professionale,
  • master di primo e secondo livello
  • ultima annualità delle scuole di specializzazione riconosciute dal Miur.
Il contributo concesso può variare da un minimo di 200 euro ad un massimo di 3 mila euro.   Possono presentare domanda giovani lavoratori autonomi – di tipo intellettuale - residenti o domiciliati in Toscana, che non abbiano compiuto i 40 anni di età, iscritti ad albi di collegi, ordini e associazioni professionali riconosciute legalmente o iscritti alla gestione separata dell'Inps.   Bando: qui   Link: qui   Informazioni:  formazionecontinua@regione.toscana.it Ufficio Giovanisì: numero verde 800 098 719,  info@giovanisi.it   Scadenza: 30 settembre 2017

Riformare l’Ordine

24 Febbraio 2016 Tag:, , , , , , , , ,
quotidianoRiceviamo e pubblichiamo questo pezzo da parte del collega giornalista Stefano Tesi e invitiamo chiunque fosse interessato a scrivere sulla materia a partecipare al dibattito pubblicamente sulle nostre pagine inviandoci sue riflessioni sul tema. Dal canto nostro vorremmo precisare di essere stati chiamati a partecipare al processo di realizzazione della legge  per l'assegnazione di fondi pubblici a sostegno dell’editoria, proposta di legge che molto presto comincerà il suo percorso parlamentare per essere approvata. Nel testo della legge è contenuta anche una, davvero molto poco edificante e decisamente riduttiva << riforma >> dell'Ordine dei giornalisti dalla quale noi di Lsdi ci siamo pubblicamente dissociati in sede di audizione presso la Commissione Cultura della Camera. (altro…)

Ordine dei giornalisti: un solo albo / un solo elenco, quello dei ”giornalisti abilitati”

14 Dicembre 2013 Tag:, , , , , ,
Ordine-Assisi Riprendiamo dal sito di Articolo21 ’’Ordine, l’ ora della verità’’,  un intervento di Pino Rea sulla riforma dell’ Ordine dei giornalisti, pubblicato nell’ ambito dei materiali presentati al Forum in corso in questi giorni ad Assisi.   Fra le varie questioni segnalate, l’ accesso unico, una formazione di alto livello e permanente, la produzione deontologica, l’ analisi dei cambiamenti e dell’ innovazione (perché non investire in un buon Centro studi le risorse che vengono ora destinate a decine di gruppi di lavoro scoordinati fra di loro?). E, infine, l’ urgenza di superare la vecchia distinzione fra professionisti e pubblicisti attraverso un albo/un elenco, quello dei giornalisti abilitati a fare la professione. Che poi la facciano o meno, e come la faranno, sarà argomento di sindacato, editori e mercato.   (altro…)

Il pubblicismo professionale e la precarietà nel lavoro autonomo (un approfondimento con nuovi dati Inpgi)

19 Febbraio 2012 Tag:, , , , , , , ,
Sulla base di una serie di nuovi elementi forniti dall’ Inpgi,  Lsdi approfondisce la situazione economica e quella demografica nel campo dell’ attività giornalistica in Italia – L’ analisi delinea un ampio segmento di pubblicisti  interno alla professione (o  immediatamente contiguo), che ormai ha poco a che fare con il pubblicismo classico, e che è già a pieno diritto nella sfera del  giornalismo professionale – Oltre 9.000 sono infatti i pubblicisti con un reddito annuo superiore ai 5.000 euro.   (altro…)