processo

Condannati giornalisti di Al Jazeera in Egitto, si allarga la protesta

24 Giugno 2014 Tag:, , ,
EgittoProteste in tutto il mondo dopo la condanna a sette anni per Peter Greste, Mohamed Fahmy e Baher Mohamed, giornalisti Al Jazeera English: arrestati il 29 dicembre 2013, la magistratura egiziana li ha giudicati colpevoli di aver diffuso notizie false e di aver favorito il movimento fuorilegge della Fratellanza Musulmana.   «Un feroce attacco alla libertà di stampa, una giornata nera per l’Egitto»: così Amnesty International ha commentato l’ episodio tramite Philip Luther, direttore del Programma Medio Oriente e Africa del Nord dell’organizzazione umanitaria.   (altro…)

Politkovskaja: un’ altra beffa alla verità

23 Gennaio 2009 Tag:,
Anastasia Baburova e Stanislav Markelov Mentre scorre altro sangue nel centro di Mosca con l’ uccisione della giornalista Anastasia Baburova e dell’ avvocato Stanislav Markelov (nella foto accanto), al processo Politkovskaja si scopre che sulla pistola che ha ucciso Anna ci sono delle impronte, ma si può eseguire il test del DNA solo con il consenso della madre del presunto omicida - Un processo lento, umiliante, la cui principale intenzione sembra quella di disperdere le energie di chi cerci di capirne qualcosa -------

di Valentina Barbieri

Dalla sua morte sono passati oltre due anni. Eppure mai come ora la traccia di Anna Politkovskaja è corporea, fisica. Nella carta e nel sangue. La carta de "La Russia di Putin" in cui denunciava gli stupri etnici del colonnello Budanov in Cecenia; le carte dell'avvocato Stanislav Markelov, che cercava di tenere Budanov laddove deve stare, in prigione; la carta degli articoli della Baburova sulla Novaja Gazeta.

Il sangue è lo stesso, ormai secco, nel pomeriggio delle vie centrali di Mosca.

E, a ragione, c'è da temere che Markelov e Baburova siano destinati

Politkovaskaja: Fallito il tentativo di trasformare il processo in un’ operazione segreta

7 Dicembre 2008 Tag:, ,
politkovskaja.jpg Il processo andrà avanti a porte aperte - La soddisfazione di giornalisti, scrittori, magistrati – La decisione vista come il segno di una maturazione di importanti settori della società e delle istituzioni ----------

La decisione di andare avanti a porte aperte nel processo per l’ assassinio di Anna Politkovskaja (vedi Lsdi, Processo spettacolo o sintomo dei mali della Russia?) è stata salutata come un  fatto di grande importanza da giornalisti, scrittori, ex magistrati, che vi vedono il segno di una maturazione di importanti settori della società e delle istituzioni.

Valentina Barbieri ha raccolto alcune delle voci più significative che si sono levate in questi giorni.
    

Sergej Sokolov, redattore capo della «Novaja Gazeta»
“Per la Russia questo è un momento molto importante, in cui i giurati iniziano ad agire con consapevolezza e danno prova di una posizione civica, di valore civile. (…) La procura, che chiedeva un processo a porte chiuse, è stata costretta a dichiarare che il processo avverrà a porte aperte. E anche il giudice è stato costretto a dichiarare che il processo avverrà a porte aperte. (…) Penso

Politkovskaja, processo-spettacolo o sintomo dei mali della Russia?

29 Novembre 2008 Tag:,
Anna P. Ancora grande incertezza sul modo con cui il dibattimento andrà avanti, se a porte chiuse o alla presenza del pubblico – Troppa attenzione su questa vicenda processuale per far cadere la sordina, ma i tentativi si fanno lo stesso ----------

di Valentina Barbieri 

Stando alle ultime notizie, il processo per l’omicidio della giornalista russa Anna Politkovskaja si terrà a porte aperte. Per ora, almeno.

Sì, perchè sostenere che questa sarà la decisione definitiva pare un azzardo, dato che il 17 novembre le porte erano porte aperte, il 19 chiuse, il 25 riaperte.

Fin da subito, la storia di questo processo è stata piena di dichiarazioni, negazioni e illazioni. E forse non avrebbe potuto essere altrimenti, perché c’è troppa attenzione su questo processo per essere celebrato in sordina.

Però i tentativi si fanno lo stesso.

(altro…)