Primo emendamento

L’uso dei droni protetto dal Primo emendamento, secondo le maggiori testate Usa

7 Maggio 2014 Tag:, ,

droniAlcune delle maggiori testate giornalistiche americane – fra cui  New York Times, Associated Press, Tribune Corporation, McClatchy, Hearst, Washington Post – ritengono che l’uso dei droni nella raccolta di informazioni sia protetto dal Primo Emendamento della Costituzione Usa.

  (altro…)

La storia “dell’ unico giornalista detenuto nel mondo occidentale per aver fatto il suo mestiere”

22 Marzo 2014 Tag:, , , , , ,
Shuler1L’ ultima condanna ai danni di Roger Shuler, 57enne blogger-giornalista dell’Alabama, è del 15 marzo (90 giorni di reclusione) per resistenza a pubblico ufficiale: il 23 ottobre scorso, si era opposto ai poliziotti che erano giunti a prelevarlo a casa sua con l’ accusa di oltraggio alla Corte. La sentenza è stata sospesa per due anni, ma Shuler - l’ unico giornalista che, secondo il CPJ (Committee to Protect Journalists), è in galera nel mondo occidentale solo per aver svolto la sua attività - dovrà pagare comunque le spese processuali e rimane in carcere per la precedente vicenda.   Tutto risale al suo mancato rispetto dell’ingiunzione di un giudice a rimuovere dei post dal suo blog (Legal Schnauzer) che accusavano Rob Riley, figlio dell’ex governatore dell’Alabama Bob Riley, di aver avuto un affaire extra-matrimoniale. Ingiunzione che secondo molte fonti è del tutto incostituzionale, essendo questo un chiaro caso di “free speech”, protetto dal Primo Emendamento.   (altro…)

Usa, una ‘shield law’ per il giornalismo: ormai è chiaro che non basta proteggere solo i giornalisti

22 Ottobre 2013 Tag:, , , , , ,
ShieldJosh Stearns in un recente studio realizzato per l’ organizzazione non profit Free Press, descrive tre esempi concreti di giornalismo fatto da persone che non erano e non si sognavano neanche di essere dei giornalisti. Il Rapporto ha fatto riaccendere il dibattito su quale obbiettivo una eventuale ‘’legge scudo’’ dovrebbe avere: proteggere i giornalisti o gli ‘’atti di giornalismo’’?  Ne abbiamo parlato diffusamente qui ad esempio).   Stearns – spiega Mathew Ingram  su Paidcontent.org-  approfondisce ora la questione, mostrando come sia difficile trovare delle definizioni legali che coprano tutti i possibili modi in cui gli individui possono agire da giornalisti - senza avere addosso nessuna etichetta professionale formale.   (altro…)

E’ giornalista chi lo fa, non solo chi lo ‘’è’’

22 Agosto 2013 Tag:, , , , , , , , , , ,
Schield Su Lsdi abbiamo parlato ripetutamente del processo di ampliamento del campo di protezione del giornalismo dai soggetti che lo esercitano (i giornalisti) alla produzione del flusso informativo: quello che sta passando – e si sta consolidando – sotto il termine di ‘’atto di giornalismo’’ .   Ma questo processo  spaventa settori importanti della vita politica americana.  Preoccupati dal fatto che una eventuale ‘’shield law’’ (al Congresso si sta già discutendo di una nuova legge-scudo) possa proteggere anche Wikileaks, ad esempio, o comunque tutti i giornalisti ‘’irregolari’’, come i bloggers, i tweeters  e i citizen journalist indipendenti, proprio in nome del fatto che l’ oggetto della protezione non sarebbe più il giornalista ma il giornalismo.   (altro…)

Protezione costituzionale per chiunque faccia giornalismo, negli Usa la questione sempre più all’ ordine del giorno

7 Luglio 2013 Tag:, , , , , , , ,
primo-emendamento-stati-uniti (p. r.) - ''Con l' esplosione degli strumenti di comunicazione in rete chiunque è in grado di diventare un giornalista in qualsiasi momento - e in teoria questo significa che chiunque dovrebbe avere la protezione del Primo Emendamento quando sta facendo giornalismo''. Come si vede da questa frase di Mathew Ingram, negli Stati Uniti si comincia a discutere intensamente sul fatto che, quando si parla di protezione legale del sistema di raccolta e diffusione delle notizie, la domanda che ci si deve porre non può essere più ‘’chi è giornalista?’’, ma piuttosto, ‘’questo è un atto di giornalismo?”.    Alcuni stati si stanno muovendo in questo senso, come emerge dall' analisi di Jeffrey P. Hermes, direttore di Digital Media law, dal titolo ‘’ Who is a Journalist? Here We Go Again…’’, di cui su Lsdi abbiamo presentato nei giorni scorsi ampi stralci.   (altro…)