Politkovskaja

Processo Politkovskaja: ‘’ben vengano nuove indagini’’

12 Marzo 2009 Tag:
musaev3 ‘’Questo non è un caso su cui sono state fatte delle indagini ma uno in cui i colpevoli li hanno decisi a tavolino’’. E’ la valutazione che l’ avvocato Murad Musaev (nella foto, a sinistra), ritenuto uno dei principali artefici dell’ assoluzione, ha affidato a una intervista al quotidiano moscovita Kommersant subito dopo l’ assoluzione degli imputati per insufficienza di prove al processo per l’ assassinio della giornalista ----------

Pubblichiamo la traduzione di una lunga intervista che Murad Musaev, difensore di due dei principali imputati, ha concesso al giornale Kommersant subito dopo la conclusione – con l’ assoluzione dei principali imputati per insufficienza di prove – del processo per l’ assassinio di Anna Politkovskaja.    L’ intervista offre ulteriori elementi di riflessione sulla vicenda, che Lsdi cercherà di non far cadere nell’ oblio (p.r.)

(a cura di Valentina Barbieri)

L' avvocato Murad Musaev è considerato da molti media russi il vero e proprio artefice dell' assoluzione di due degli imputati del processo Politkovskaja: Džabrail e Ibragim Machmudov.
E' in effetti innegabile l' importanza della sua linea di difesa nella decisione

Politkovaskaja: l’ istinto di conservazione di una ‘’enorme macchina repressiva corrotta’’

3 Marzo 2009 Tag:, ,
gabbia.jpg L’ accavallarsi di tesi diverse avanzate dalla pubblica accusa e la presenza di dati processuali incoerenti ha finito per sconcertare la giuria e ‘’convincere i giurati delle imperfezioni dell' indagine e dell' accusa e ha portato ad un verdetto di assoluzione’’ per insufficienza di prove – Un dramma ‘teatrale’’, in cui molti personaggi sembravano funzionali solo all’ ingarbugliamento della fabula – Il dramma richiama curiosamente l’ iter del processo per l’ assassinio del redattore del Forbes russo, Chlebnikov – Secondo Sergej Sokolov, redattore capo della Novaja Gazeta, gli inquirenti non avrebbero potuto lavorare liberamente, essendo incappati in un "gigantesca rete corrotta, che ha paura che una volta che si tira un filino, crolli l’ intero sistema. Per questo l’ istinto di autoconservazione di questa enorme macchina repressiva corrotta è tale che non consegneranno nessuno”. (foto da Lettera 22 ) ----------

di Valentina Barbieri

Insufficienza di prove. Assolti.

Con questo verdetto i giurati sigillano l’ennesimo colpo di scena del processo Politkovskaja. Chiusi in camera di consiglio per 3 ore (elemento che per il Kommersant farebbe pensare ad un accordo preventivo), i giurati si sono confrontati su 17 domande: dieci riguardavano l'

Politkovskaja: un’ altra beffa alla verità

23 Gennaio 2009 Tag:,
Anastasia Baburova e Stanislav Markelov Mentre scorre altro sangue nel centro di Mosca con l’ uccisione della giornalista Anastasia Baburova e dell’ avvocato Stanislav Markelov (nella foto accanto), al processo Politkovskaja si scopre che sulla pistola che ha ucciso Anna ci sono delle impronte, ma si può eseguire il test del DNA solo con il consenso della madre del presunto omicida - Un processo lento, umiliante, la cui principale intenzione sembra quella di disperdere le energie di chi cerci di capirne qualcosa -------

di Valentina Barbieri

Dalla sua morte sono passati oltre due anni. Eppure mai come ora la traccia di Anna Politkovskaja è corporea, fisica. Nella carta e nel sangue. La carta de "La Russia di Putin" in cui denunciava gli stupri etnici del colonnello Budanov in Cecenia; le carte dell'avvocato Stanislav Markelov, che cercava di tenere Budanov laddove deve stare, in prigione; la carta degli articoli della Baburova sulla Novaja Gazeta.

Il sangue è lo stesso, ormai secco, nel pomeriggio delle vie centrali di Mosca.

E, a ragione, c'è da temere che Markelov e Baburova siano destinati

Politkovaskaja: Fallito il tentativo di trasformare il processo in un’ operazione segreta

7 Dicembre 2008 Tag:, ,
politkovskaja.jpg Il processo andrà avanti a porte aperte - La soddisfazione di giornalisti, scrittori, magistrati – La decisione vista come il segno di una maturazione di importanti settori della società e delle istituzioni ----------

La decisione di andare avanti a porte aperte nel processo per l’ assassinio di Anna Politkovskaja (vedi Lsdi, Processo spettacolo o sintomo dei mali della Russia?) è stata salutata come un  fatto di grande importanza da giornalisti, scrittori, ex magistrati, che vi vedono il segno di una maturazione di importanti settori della società e delle istituzioni.

Valentina Barbieri ha raccolto alcune delle voci più significative che si sono levate in questi giorni.
    

Sergej Sokolov, redattore capo della «Novaja Gazeta»
“Per la Russia questo è un momento molto importante, in cui i giurati iniziano ad agire con consapevolezza e danno prova di una posizione civica, di valore civile. (…) La procura, che chiedeva un processo a porte chiuse, è stata costretta a dichiarare che il processo avverrà a porte aperte. E anche il giudice è stato costretto a dichiarare che il processo avverrà a porte aperte. (…) Penso