Paidcontent

Scrivere gratis non è schiavitù (e altre false credenze)

31 Ottobre 2013 Tag:, , ,
Ingram1 Qualche giorno fa, in un pezzo sul New York Times  intitolato " Schiavi di Internet, Unitevi! ", un giornalista si lamentava delle continue richieste di scrivere articoli gratuitamente che gli veniuvano rivolte. Ne è nata una discussione, con un ampio rilievo su Twitter: l’ argomento d’ altra parte è uno dei punti focali dell’ economia del giornalismo digitale.   Mathew Ingram, su Paidcontent, ribatte che bisogna rovesciare il punto di vista. Il giornalista trova offensivo ‘’qualcosa che invece molti altri vedono come una grande opportunità’’: ‘’crearsi una vita in cui c’ è la possibilità di fare anche qualcosa che si ama, raggiungendo un pubblico o collegandosi con altri artisti, e, forse poter anche essere pagati. Cosa che non è affatto male’’.   (altro…)

Le cinque ‘’C’’ del giornalismo digitale

25 Ottobre 2013 Tag:, ,
Cinque-C Contesto, conversazione, cura (dei contenuti), comunità, collaborazione. Sono le 5 ‘’C’’ che nel giornalismo online si affiancano alle tradizionali cinque ‘’W’’ del giornalismo classico e che caratterizzano in modo specifico il nuovo contesto digitale. Riproponiamo integralmente un articolo molto interessante di Lelio Simi sulla natura più profonda della trasformazione che sta investendo il giornalismo. Il percorso verso il digitale non rappresenta solo un ‘upgrade’, un semplice aggiornamento tecnologico, ma ‘’una trasformazione completa nel suo stesso modo di essere concepito e realizzato’’. (altro…)

I giornali forse stanno morendo ma la colpa non è di internet e il giornalismo continua ad andare forte

10 Settembre 2013 Tag:, , , , , , , , , , , ,
Brock-copI giornali erano in crisi ben prima che arrivasse internet e il giornalismo sta andando alla grande se uno sa dove andare a guardare. Non è una novità, ma se lo dice Mathew Ingram vale la pena di seguire la sua analisi.   Su Paidcontent  Ingram dedica un ampio articolo all’ ex giornalista e professore George Brock, responsabile dei programmi di giornalismo della City University di Londra, secondo cui se i giornali sono su una china molto scivolosa da un po’ di tempo, quella che il giornalismo sta attraversando è ‘’una evoluzione naturale e non certo una catastrofe’’.   (altro…)

Una testata Usa raccoglie fondi per comprare delle prove contro un sindaco. Ma è corretto?

21 Maggio 2013 Tag:, , , , , , ,
Gawker Domenica mattina (ultimo dato disponibile), avevano raggiunto 63.500 dollari. Ora mancano otto giorni per arrivare all’ obbiettivo di 200.000 dollari. Servono a comprare un video (di non chiara provenienza) che conterrebbe le prove per incastrare in maniera inequivocabile il sindaco di Toronto,  Rob Ford, persona già molto chiacchierata, che nel filmato verrebbe immortalato mentre consuma cocaina e dà del  ‘’frocio’’ al  leader del partito liberale canadese Justin Trudeau.   E’ stato Gawker, un famoso blog americano, a ricorrere, tramite Indiegogo –  sito utilizzato per raccogliere soldi —, a questa operazione di crowdfunding che sta suscitando forti polemiche.   (altro…)

Dopo i brand anche i Governi diventano media: democrazia o controllo?

2 Marzo 2013 Tag:, , , , , , ,
Obama Grazie alla democratizzazione della diffusione delle informazioni prodotta dal Web e dai social media, oggi molti governi sono in grado di trasformarsi in centri di produzione giornalistica e di agire come dei media. Ma si tratta di un bene per la democrazia o del tentativo da parte del potere esecutivo di rafforzare il controllo sull’informazione? A domandarselo è Mathew Ingram su Paidcontent.org, rilanciando un  pezzo di Politico sul presidente Obama. .   E in Italia? Le elezioni consegnano anche a noi un “internet leader” che ha costruito il suo successo sull’uso dei media, opposto a quello berlusconiano. Grillo, Renzi e il Corriere in una piece tutta italiana.   (altro…)