news

Giornalismo e votazioni

14 Ottobre 2021 Tag:, , , , , , , ,
Quando si parla di ruolo odierno e moderno della professione giornalistica, quando - come sosteniamo qui a bottega da tempo - si chiede che venga rilanciata e nello stesso tempo tutelata la "funzione d'uso del giornalismo", spesso non si riesce ad intendersi, ad essere compresi. Proviamo a produrre un  esempio,  in modo da riuscire a chiarire il concetto. Il nuovo farmaco  contro il Corona Virus da poco presentato al mondo intero e già largamente pubblicizzato ovunque e dovunque, non è ancora stato certificato ufficialmente dagli organi di controllo istituzionali che supervisionano la diffusione dei farmaci nel mondo e nei singoli stati. In particolare essendo prodotto negli Stati Uniti, l'antivirale è, ancora, in attesa di approvazione per la distribuzione e la vendita da parte della Food and Drug Administration, la, oramai, nota a tutti, - dopo questi 20 mesi di pandemia - FDA. Ebbene, nonostante questa limitazione, non certo di poco conto. Andate a vedere in giro "cosa e quanto" si dice di questo farmaco. Raccogliete brevemente le notizie che circolano sulla stampa, sugli organi di informazione in generale e più alla rinfusa ovunque sul web. Tutte le notizie che riuscirete a

Consapevolezza – Awareness

1 Settembre 2021 Tag:, , , , , , , ,
Una delle parole che ricorre sempre più spesso  nei discorsi di tutti noi è certamente questa. Mentre andiamo avanti disordinatamente, in ordine sparso,   con l'acceleratore  a tavoletta,  ansiosi di arrivare -  non si capisce bene dove -  rischiando di schiantarci contro un muro ogni istante più imponente e minaccioso. Alcuni rimuginano su questa parolina. Convincendosi che grazie ad essa, le cose potrebbero farsi meno difficili. Meno ardue. Persino sostenibili. Addirittura godibili. Vediamo intanto il significato preciso del termine estraendolo dal wikizionario di wikipedia:   consapevolezza ( approfondimento) f inv
  1. condizione di chi è consapevole; l'avere conoscenza, il rendersi conto di qualcosa
    • Quando inspiri ed espiri, concentrandoti sull'aria che entra ed esce, questa si chiama consapevolezza del respiro
  2. coscienza di sè, dell'altrui persona/e con ponderatezza
    • Sognare è, per definizione un'esperienza cosciente - è la consapevolezza di essere in un mondo immaginato in cui accadono dei fatti
  3. conoscenza di sé, degli altri individui ed altro in coscienza "manifesta"
  4. (per estensione) veridicità dell'"essere"; percezione dell'io;

Il valore del giornalismo

14 Luglio 2021 Tag:, , , , , ,
L'archivio di questo blog è uno dei valori assoluti, per noi che ci lavoriamo, e per tutti coloro che collaborano, leggono, transitano  e navigano da queste parti. Dal 2004, anno di fondazione di questo spazio virtuale - molto fisicamente presente - che è il sito di lsdi, abbiamo accumulato spunti, articoli, pareri, fotografie, grafici, video, pdf, fogli excel, podcast, gif e altro ancora provando a serbare per il futuro tutto quello che veniva e viene in esso costantemente prodotto. Dal nostro archivio attingiamo spesso contenuti con l'intento di confrontarli con spunti che ci arrivano dal quotidiano o semplicemente per fare il punto su questioni antiche e comprendere lo stato dell'arte su quei temi alla luce delle "ultime" novità. Oggi che è un giorno di luglio del 2021 vorremmo provare a riparlare di "giornalismo" e in particolare del rinnovato e accresciuto valore di questa professione alla luce dei molteplici mutamenti sociali avvenuti e ancora in corso nel mondo negli ultimi 17 anni. Prendiamo dunque quattro istantanee dal nostro archivio e proviamo a commentarle, oggi. La prima arriva proprio dal 2004, da uno dei nostri primi pezzi pubblicati su questo blog, un articolo firmato da

Una stampa cinica e mercenaria, prima o poi, creerà un pubblico ignobile

8 Marzo 2020 Tag:, , , , , , , ,
Joseph Pulitzer nacque in Ungheria nell'aprile del 1847. All’età di sedici anni, emigrò negli Stati Uniti: solo, senza amici, denaro, e senza sapere l'inglese. Si arruolò subito in cavalleria a New York per combattere nella guerra di secessione americana. Al termine del conflitto, Pulitzer divenne reporter del Westliche Post. In meno di dieci anni ne diventò direttore e co-proprietario.  Nel 1883 si trasferì a New York, dove comprò il New York World. Il  quotidiano tirava meno di 12.000 copie al giorno ed era sull'orlo della bancarotta. In quattro anni di duro lavoro: il "World" raggiunse una tiratura di 200.000 copie al giorno, e un posto in prima fila nella stampa americana. Purtroppo per la salute di Joseph Pulitzer furono anni disastrosi.  Dovette lasciare New York, con i nervi a pezzi, e la consapevolezza che, nel giro di pochi anni, sarebbe diventato completamente cieco. Nonostante la grande fortuna, anche economica, le sue condizioni di salute precarie lo costrinsero a ritirarsi molto presto dalla vita attiva e trascorrere lunghi anni, appartato, e assistito,  sul suo yacht, dove morì nel 1911, nella rada di Charleston nella Carolina del Sud.       Pulitzer, oltre al suo acume affaristico, è

Senza scampo

20 Ottobre 2019 Tag:, , , , , , , ,
"Il servizio pubblico, fondamentale per la democrazia,  va rafforzato e protetto sul web". Così si intitola la lettera aperta che i capi delle più potenti televisioni europee,  Rai compresa, hanno inviato,  attraverso la diffusione su alcuni quotidiani europei -  il Corriere della Sera da noi -  agli Over the Top. In realtà la lettera potrebbe non essere indirizzata in modo specifico a nessuno. Ma come recita il detto: "parla a nuora perché suocera intenda"  i destinatari non possono che essere i capi delle techno-corporation, dette anche meta-nazioni digitali.  Quindi riportando le dichiarazioni della Presidente della Commissione Europea, e poi citando  fatti, circostanze, e nobili intenti,  nella lettera si chiedono spazi e tutele ai "cosiddetti" padroni del web.  Dando loro per l'ennesima volta un riconoscimento eccessivo, un potere inusitato, e un'autorità del tutto fuori luogo. Nella missiva, purtroppo,  è tutto molto chiaro, scontato. Secondo la visione dei dirigenti delle maggiori reti televisive europee, internet è di fatto uno spazio chiuso, lottizzato e gestito dagli Over the Top, ed è dunque a loro che ci si deve rivolgere. Una constatazione che ci ha letteralmente fatto saltare sulla seggiola. Ma come, ci siamo detti, in