nazionale

Meno Giornali, meno liberi, parte la campagna nazionale per la difesa dell’editoria non profit

13 Febbraio 2015 Tag:, , , , , , , , ,
  menogiornalimenoliberiDuecento testate, 3.000 posti di lavoro di giornalisti, grafici e poligrafici, 300 milioni di copie in meno: se Governo e Parlamento non ripristineranno i contributi per l'editoria 2013 (tagliati retroattivamente a bilanci già chiusi) e 2014 sono questi i numeri del disastro che si abbatterà sull'editoria non profit italiana, con costi per lo Stato più alti del valore del fondo. Nel 2014 chiuse 30 testate storiche, hanno perso la propria occupazione circa 800 giornalisti. Espulsi dal mondo del lavoro anche mille grafici e poligrafici. ACI Comunicazione, Mediacoop, FILE, FISC, FNSI, Articolo 21, SLC-CGIL, ANSO e USPI lanciano oggi la campagna “Meno Giornali = Meno Liberi”. (altro…)

Mozione presentata al 27° Congresso Nazionale Fnsi di Chianciano: Monitoraggio giornalismo digitale

30 Gennaio 2015 Tag:, , , , , , , , , , ,
Riportiamo la mozione di Assostampa presentata al Congresso.   La rivoluzione digitale del mondo del giornalismo e delle informazioni è ormai avvenuta. E' l'unico settore nel quale, anche con la crisi, le raccolte pubblicitarie sono aumentate, anche se mai hanno compensato completamente quelle della carta e della radio-tv. E' l'unico settore dove c'è una nascita di nuove testate, non la continua morte come succede su quelle cartacee, ma con un ricambio continuo e a volte frenetico. Ma questo non ha portato, complessivamente, nuovi posti di lavoro.   Il ritardo con cui in Italia è stato affrontato questo fenomeno ha colpito sia i livelli salariali che i diritti dei giornalisti che lavorano in questo settore. Come dimostrano le esperienze più avanzate in questo settore, una per tutte il Financial Times, siamo in Italia anni luce distanti dall'approccio digital first o altri tentativi di innovazione e integrazione tra media. Buona parte del 62% di precari-free lance che lavorano nel settore giornalistico in Italia sono, a volte principalmente, coinvolti nel settore online.   (altro…)