Mumbai

Twitter: ma c’ è da fidarsi?

14 Dicembre 2008 Tag:, , , ,
twitter.jpg Riaffiora ciclicamente la polemica sull’ affidabilità degli strumenti e delle piattaforme che si sviluppano in rete – La pubblicazione di una falsa notizia relativa ai massacri terroristici di Mumbai ha messo al centro delle polemiche Twitter, la piattaforma di microblogging che ha avuto un ruolo rilevante nella 'copertura' dei sanguinosi attacchi nella città indiana ----------

Si è parlato a lungo nei giorni scorsi dell’ uso assai rilevante di Twitter (vedi Lsdi, Twitter, la consacrazione letteraria) in occasione dei sanguinosi attacchi terroristici di Mumbai*, e a vari giorni di distanza la discussione si è spostata sulla sua affidabilità. E’ un processo canonico, che si ripete ogni volta che il grande pubblico degli internauti si accorge delle potenzialità di qualche nuovo sistema di condivisione di notizie e informazioni. In questo caso al centro dell' attenzione è Twitter, ritenuta la piattaforma di microblogging “più attiva” durante i fatti della città indiana.

I dubbi sulla sua affidabilità sono stati provocati dalla pubblicazione in rete di una notizia che si è dimostrata falsa: il presunto intervento della polizia indiana con la pressante

L’Italia tagliata fuori dalla conversazione globale online?

2 Dicembre 2008 Tag:, , ,
taj.jpg Mentre nei giorni della tragedia di Mumbai il sito inglese di Global Voices ha ricevuto circa 23.000 visitatori unici al giorno, in Italia il sito ha raggiunto a fatica i 400 visitatori quotidiani e qualche fugace link - Un appello per l' edizione italiana di GV ----------- di Bernardo Parrella

I tragici eventi di Mumbai hanno confermato l'estrema importanza del citizen journalism e della comunicazione orizzontale basata sui new media. Contesto in cui è emersa nuovamente la centralità di Global Voices Online, progetto non-profit lanciato nel 2004 presso il Berkman Center (Harvard University) che mira ad aggregare e amplificare la conversazione globale online gettando luce su luoghi e persone spesso ignorati dagli altri media.

(altro…)