MOndaynote

La crisi dell’ editoria: senza ‘’sangue nuovo’’ nelle redazioni sarà duro sopravvivere

8 Gennaio 2014 Tag:, ,
Filloux1 Fra le tante previsioni sul futuro prossimo del giornalismo ci sembra interessante riprendere quella delineata da Frédéric Filloux  sul suo  Mondaynote.com. Col suo consueto acume Filloux descrive rischi e opportunità per l’ informazione digitale  - e ne affida il senso alla tabella qui accanto – spiegando che, se vogliono sopravvivere, le testate dovranno per forza trasformarsi in ‘’aziende tecnologiche’’ e adottare una serie di misure essenziali: pubblicità che richieda una migliore profilazione del pubblico; motori intelligenti per conservare lettori; analisi semantica come strumento obbligatorio se si vuole lavorare per un pubblico leale e disposto a pagare; giornalismo dei dati, ecc. In parole povere, nel 2014 le redazioni potranno irrobustirsi se avranno le seguenti caratteristiche : ( a) essere velocissime nell’ iniettare nelle loro fila la quantità di sangue nuovo necessaria e ( b ) investire nella formazione per aggiungere le competenze, soprattutto quelle tecnologiche, richieste dal giornalismo moderno.   (altro…)

‘’Perché i quotidiani devono aumentare i loro prezzi di vendita’’

5 Settembre 2012 Tag:, , , , , ,
 ‘’I giornali sono in una posizione poco invidiabile, ma non estrema: un aumento dei prezzi dell’ edizione cartacea può ridurre la propria, già anemica, base di lettori, ma può anche essere la loro unica possibilità per rimanere a galla’’ - Nella sua ultima nota settimanale del lunedìFrédéric Filloux cita questa sintesi di una ricerca della Simon-Kucher & Partners per sostenere la necessità di un aumento dei prezzi dell’ edizione cartacea dei quotidiani (quelli di qualità, perché per tabloid e locali il discorso è un po’ diverso) –   Secondo la ricerca, non è detto che un aumento significativo dei prezzi debba tradursi per forza in una riduzione della diffusione; mentre i soldi in più ricavati da questa operazione potranno essere utilissimi per investimenti in tecnologie digitali. (altro…)