modelli di business

E’ ancora possibile fare del buon giornalismo ?

7 Novembre 2017 Tag:, , , , , , , ,
Un giorno il leopardo s’imbatté in una tartaruga, che da tempo cercava di catturare. Le parlò e le disse: “Preparati a morire!” La tartaruga di rimando ribatté : “Posso chiederti un favore prima di morire?”.
 
Il leopardo acconsentì e, allora, la tartaruga spiegò il perché della sua richiesta. “Dammi qualche minuto affinché io possa preparare il mio animo.” - precisò. Il leopardo trovò legittima la richiesta e non ebbe nulla da obiettare.
 
Ma accadde che la tartaruga, anziché starsene immobile, come si aspettava il leopardo, cominciò a grattare freneticamente sul terreno circostante e , in questo modo, gettava sabbia in tutte le direzioni.
 
Stupito dalla scena, il leopardo chiese alla tartaruga : “Perché fai così?”.
 
E la tartaruga con serenità : “Vorrei che, una volta che io sia morta, chiunque si trovi a passare da queste parti possa dire che io, tartaruga, ho lottato contro un mio pari.”.
 
La storia insegna che noi africani è proprio questo quello che stiamo facendo – disse il griot ai suoi attenti uditori – e cioè che quanti verranno dopo di noi possano dire

Muro contro muro

26 Giugno 2017 Tag:, , , , , , , ,
I modelli di sostenibilità detti anche modelli di business sono da sempre il grande problema della rivoluzione digitale almeno nel nostro settore: l'informazione. Lo abbiamo detto tante volte oramai anche su queste colonne, non esiste un modo per sopravvivere per i giornali, meglio, per le aziende editoriali, nel mondo digitale. Il modello analogico di sopravvivenza continua ad essere l'unico, sebbene in fortissima crisi, che a tutt'oggi riesce a far resistere il comparto dell'editoria giornalistica. Nell'ultima edizione di digit, il festival dedicato al giornalismo digitale,  creato e realizzato da noi di Lsdi, abbiamo provato a mettere a confronto due modelli economici possibili: lo sfruttatissimo ma ancora non perfetto "metered paywall" contro il solo teorico, ahimè al momento, modello Jarvissiano (chissà se ci è concesso il neologismo) del "reversed paywall". A parlarne nelle due ore di wrkshp a loro concesse a #digit16 in quel di Prato presso la Camera di Commercio sono venuti due esperti della materia: il giornalista digitale, ma anche imprenditore del ramo, Alberto Puliafito, e l'esperto di marketing digitale ma anche giornalista (suo malgrado) anche se non lo ammetterà mai nemmeno sotto tortura: Pierluca Santoro. A loro la

Chi va piano … (segnalazioni dal mondo)

9 Febbraio 2016 Tag:, , , , , , ,
snowfallQuesto è il primo di una serie di post in cui, partendo da un tema, segnaleremo link dalla rete che ci paiono interessanti. Abbiamo scelto il long form journalism per iniziare. Buona lettura!     Come riportavamo qualche anno fa: il long form journalism ha visto tante sperimentazioni negli USA. E le sperimentazioni continuano oggi. Molte esperienze di questo tipo nascono più dal desiderio dei giornalisti di creare un proprio  spazio narrativo più ampio e articolato che da una effettiva richiesta dei lettori, mentre un modello economico che assicuri un buon rendimento o almeno la sopravvivenza per questo tipo di giornalismo, e più in generale per i modelli digitali, non è stato ancora individuato. (altro…)