fonti

Sicurezza fa rima con consapevolezza

13 Settembre 2020 Tag:, , , , , ,
Torniamo a sfogliare l'album dei ricordi di #digit13 per parlare di sicurezza informatica. Nel corso del nostro secondo appuntamento con il festival dedicato al giornalismo e alla comunicazione digitale, ancora a Firenze, prima di trasferirci stabilmente a Prato, abbiamo dedicato due diversi seminari di un'ora ciascuno all'argomento sicurezza sul web. Il primo,  svolto da Igor Falcomatà, era espressamente rivolto ai professionisti dell'informazione,  mentre il secondo, condotto da Marco A. Calamari,  era più specificamente dedicato alle fonti degli organi di informazioni, e alla loro protezione e sicurezza online. Non molto tempo prima era scoppiato il fenomeno Wikileaks e sempre in quel periodo si cominciava a parlare di whistleblower. Come garantire l'anonimato e la protezione alle fonti che arrivano agli organi di informazione attraverso il web e gli strumenti digitali  era -  ed è, permetteteci di aggiungere -  un tema scottante e difficile da risolvere allora come oggi. I problemi da affrontare erano molteplici e in larga parte sono ancora presenti, a distanza di parecchi anni. Ma il punto centrale - vorremmo sottolineare - non è soltanto capire, quali e quanti artifici tecnologici debbano essere studiati e usati  e per essere "sicuri e garantiti" online,

Animatori digitali #digit16

12 Ottobre 2016 Tag:, , , , , , , , ,
flyer-verification-handbook-jpg-1170x940“Se tua mamma dice che ti vuole bene, controlla” è questo l’insegnamento di Steve Butty, uno dei contributors del Verification Handbook, la guida alla verifica dei contenuti digitali realizzata con la collaborazione di esperti della BBC, ABC,  Digital First e e tra gli altri, Andy Carvin. La verfica delle notizie è un degli elementi essenziali del metodo giornalistico e può essere interessante provare ad utilizzarlo in altri ambiti, magari in quello della scuola. “Come fai a sapere questa notizia?” è una delle domande più frequenti che i giornalisti devono porre alle loro fonti, i direttori devono porre ai giornalisti e , potremmo aggiungere, gli animatori digitali devono insegnare ai ragazzi delle scuole per aiutarli a destreggiarsi nell’overload informativo e accrescere il loro senso critico. (altro…)

Usa: la sorveglianza di massa paralizza le fonti e schiaccia il giornalismo investigativo

11 Ottobre 2013 Tag:, , , ,
Nsa Una sorveglianza di massa del tipo di quella attuata dalla NSA produce un effetto scoraggiante sul giornalismo , perché le fonti non se la sentono di avere una conversazione privata con un giornalista. Questo è il messaggio che un gruppo di studiosi, giornalisti e ricercatori della Columbia Journalism School e del  MIT Center for Civic Media, hanno affidato a un documento pubblicato sul Review Group on Intelligence and Communication Technologies messo in piedi dal presidente Obama.   (altro…)

Internet supera i giornali come bacino primario di informazione

26 Dicembre 2008 Tag:, , , ,
pew.jpg Lo attesta una recente ricerca effettuata negli Stati Uniti dal Pew Research Center - La televisione rimane saldamente al primo posto con il 70%, ma fra i giovani americani internet l' ha già raggiunta (entrambi sono al 59%) - Ottimista TechCrunch sul futuro economico dei siti dei grandi giornali Usa ----------

Internet supera i giornali come fonte di informazione, almeno negli Stati Uniti. Nessuna sorpresa, la tendenza era chiara, ma la notizia ha fatto lo stesso il giro del mondo.

 Il sorpasso è stato sancito da una ricerca effettuata ai primi di dicembre dal Pew Research Center  su 1489 adulti americani.  
Il 40% delle persone interpellate hanno affermato che la maggior parte delle loro informazioni su argomenti nazionali e internazionali provengono da internet contro il 35% della stampa. La percentuale di chi si rivolge prioritariamente alla stampa comunque è stabile rispetto al 2005, mentre si è profondamente modificata la percentuale degli internauti, arrivati ora al 40% dal 24% del settembre 2007. .     
(altro…)

Un sito che scopre chi c’ è dietro una notizia

20 Novembre 2008 Tag:
out-148.jpg E’ SourceWatch,un progetto collaborativo del Center for Media and Democracy che punta a documentare le attività di propaganda delle aziende di pubbliche relazioni e dei professionisti delle Pr impegnati nella gestione e nella manipolazione della percezione e dell’ opinione dei cittadini ----------

Come fare a sapere chi può esserci dietro una notizia? Negli Usa ci pensa SourceWatch, un sito che punta a documentare le attività di propaganda delle aziende di pubbliche relazioni e dei professionisti delle Pr  impegnati nella gestione e nella manipolazione della percezione e dell’ opinione dei cittadini.

Per esempio – come ha raccontato Francesco Semprini su lastampa.it – SourceWatch è stato il primo sito a dubitare sull’ autenticità delle notizie sulle gaffes della Palin, aprendo poi la strada all’ inchiesta del New York Times

(altro…)