data

5G – Dove eravamo rimasti?

18 Ottobre 2020 Tag:, , , , , , , , , ,
“I comuni possono adottare un regolamento per assicurare il corretto insediamento urbanistico e territoriale degli impianti e minimizzare l’esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici con riferimento a siti sensibili individuati in modo specifico, con esclusione della possibilità di introdurre limitazioni alla localizzazione in aree generalizzate del territorio di stazioni radio base per reti di comunicazioni elettroniche di qualsiasi tipologia e, in ogni caso, di incidere, anche in via indiretta o mediante provvedimenti contingibili e urgenti, sui limiti di esposizione a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici, sui valori di attenzione e sugli obiettivi di qualità, riservati allo Stato ai sensi dell’articolo 4.” Quello che avete appena letto è l’Art. 38, comma 6, del Decreto Legge n.76, del 16 Luglio 2020, contenente “Misure urgenti per la semplificazione e l’innovazione digitale.” Un decreto che in tanti, semplificando ulteriormente, hanno descritto come una norma che stabilisce che le amministrazioni comunali non possono vietare l’installazione della rete 5G sul proprio comune. Ecco qualche titolo:
  • Corriere.it: Antenne 5G, con il Decreto Semplificazioni i sindaci non possono bloccarle
  • Repubblica.it: Sindaci contro il 5G, l'Antitrust fa un assist al Governo. Ma si va verso lo scontro d'autunno
  • Il Fatto Quotidiano: 5G, governo contro gli enti

Accumulando dati senza spiegazioni

11 Ottobre 2020 Tag:, , , , , , , ,
Come dice il Poeta: "Nel mezzo del cammin di nostra vita mi ritrovai per una selva oscura che la diritta via era smarrita. Ahi quanto a dir qual era è cosa dura esta selva selvaggia e aspra e forte che nel pensier rinova la paura! Tant' è amara che poco è più morte; ma per trattar del ben ch'i' vi trovai, dirò de l'altre cose ch'i' v'ho scorte". Ed è  proprio "di quelle cose e dell'altre" che lui-noi abbiamo "scorto", in questo presente complesso e post rivoluzione digitale, solcato da macchine intelligenti che ci rendono sempre più "smart" -  forse -  ma anche, purtroppo, sempre più dipendenti da esse;  che oggi  proveremo qui a narrare. Lo faremo,  prendendo a prestito - come sovente accade da queste parti  -  alcuni estratti da testi di persone "davvero sveglie" che, di questi tempi, provano a tracciare resoconti utili,  e, nello stesso tempo,  a fornire indicazioni non banali per orientarsi in un'epoca tumultuosa e incerta come la nostra. Un periodo in cui la società - noi tutti -  ha finalmente

Facebook “tana” tutti

1 Maggio 2018 Tag:, , , , , , , ,
Nonostante lo scandalo Cambridge Analytica il primo trimestre dell'anno in corso porta crescita e fatturati molto positivi per Facebook. La società di Menlo Park il 26 aprile scorso ha diffuso un comunicato stampa trionfale che racconta dettagliatamente lo stato dell'arte. Nello stesso comunicato  Mark Zuckerberg dichiara lapidario: "Nonostante le sfide importanti, nel 2018 la nostra comunità e il nostro business sono partiti con un buon inizio". E' anche vero e qualche osservatore lo ha sottolineato a margine  del resoconto trimestrale di Facebook che lo scandalo, essendo scoppiato a metà marzo,  inciderà probabilmente  di più nell'andamento economico del prossimo trimestre dell'azienda americana. Registrata la reazione positiva dei mercati nonostante la batosta della non ancora chiarita "fuga di dati", quello su cui vorremmo invitarvi a riflettere sono le novità immediatamente introdotte nel contratto con i propri utenti dal colosso "sociale" della silicon valley. Novità, permetteteci, che non migliorano in alcun modo il contratto e la gestione dei "nostri" dati da parte di Facebook, anzi li peggiorano introducendo

19-21 maggio in Belgio Conferenza su Data e Investigative Journalism

28 Aprile 2017 Tag:, , ,
La conferenza organizzata da Journalismfund.eu  è l'evento di networking più rilevante per i giornalisti che si interessano di dati e giornalismo investigativo in Europa.   La European Investigative Journalism & Dataharvest Conference si terrà a Mechelen, in Belgio dal 19 al 21 maggio.   Conference hashtag is #EIJC17   Ecco il programma: Qui Ecco come iscriversi: Qui   Ecco i link alle precedenti edizioni:  

WikiLeaks e la guerra della trasparenza: dal Big Data al Big Brother

3 Dicembre 2011 Tag:, , , ,
Wiki Mentre sempre più realtà chiedono a gran voce la “liberazione” delle informazioni del settore pubblico, la vera partita pare giocarsi intorno ai dati privati, i nostri, che vengono venduti a scopi commerciali e di ‘sicurezza’ globale ----- (a. f.) - Wikileaks torna a parlare, e lo fa da ‘spia’ che denuncia le Spie. A finire sotto la lente dell’organizzazione di Assange, infatti, è un sistema globale di intercettazioni di massa perpetrato ai nostri danni dai contractor delle intelligence occidentali, ma non solo. Scenari hollywoodiani - si legge nel post della stessa Wikileaks - che da oggi sono realtà, come rivelato dalle centinaia di documenti contenuti nel data-base reso pubblico da WL e provenienti da 160 contractor impegnati nel settore della sorveglianza di massa. La squadra assemblata da Assange e soci per questa nuova data-inchiesta è piuttosto nutrita. Oltre a Bugged Planet e la ONG Privacy International, anche sei testate giornalistiche di altrettanti Paesi, e questa volta c’è pure l’Italia (le cui due principali testate si erano rifiutate, per bocca dello stesso Assange, di partecipare al cosiddetto Cable Gate) con L’Espresso, insieme a ARD (Germania), il Bureau of Investigative Journalism (Regno