Cnn

Anche la CNN studia l’ uso dei droni nel giornalismo

3 Luglio 2014 Tag:,
DroneLa catena televisiva americana, in collaborazione con l’ Istituto di Tecnologia della Georgia, analizzerà l’ uso dei droni per accelerarne  la regolamentazione. Ne parla su Mexico.cnn.com Brian Stelter, spiegando che l’ uso degli aerei senza pilota  potrebbe essere una parte interessante dello scenario del  futuro prossimo  del giornalismo.   I due partner l’ hanno definita una “iniziativa investigativa” ed hanno dichiarato che condivideranno  le informazioni ottenute con la Federal Aviation Authority. L’annuncio giunge nel pieno di un’ onda di interesse generalizzato delle redazioni  giornalistiche per quello che è stato definito “giornalismo dei droni”   (altro…)

Come i contenuti generati dagli utenti stanno cambiando il giornalismo

10 Ottobre 2013 Tag:, , , ,
UGC Federico Guerrini, autore di un ampio studio per il Reuters Institute for the Study of Journalism (Newsroom curators & independent storytellers: content curation as a new form of journalism”) spiega in questa sintesi per Lsdi il processo di ‘’cura’’ dei contenuti generati dagli utenti (gli UGC) e il contributo in termini di arricchimento che essi possono fornire –  E non solo alle redazioni e ai media tradizionali. E prefigura  la possibilità che questi ultimi, già indeboliti dal calo nei profitti causato dalla digitalizzazione, potrebbero essere ‘’attaccati’’ ora dai nuovi giganti tecnologici, come Twitter, Facebook e YouTube. (altro…)

‘’Change the list’’: la CNN chiede al pubblico di scegliere i servizi da fare

15 Giugno 2013 Tag:, , , , , ,
CNNLa CNN si rivolge al pubblico chiedendo di segnalare gli argomenti da affrontare. E’ stato John D. Sutter, uno dei principali commentatori della rete televisiva americana, a sollecitare i suoi ascoltatori, pubblicando sul suo blog un sondaggio online su 20 argomenti e promettendo di realizzare dei servizi sui cinque temi più votati. "Stiamo praticamente chiedendo al pubblico di fare i capi-redattore che assegnano i servizi’’, ha detto Sutter al New York Observer.   (altro…)

Una Cnn cinese contro la ‘’propaganda straniera’’

6 Febbraio 2009 Tag:, ,
Renmin RibaoLa Cina vuole diffondere al mondo la sua voce in maniera diretta, senza dover dipendere più dal filtro e dalle ‘’distorsioni’’ dei canali di informazione stranieri, e sta mettendo in piedi un canale televisivo di notizie in inglese 24 ore su 24.

Per contrastare la "propaganda straniera" sul paese – che, su un territorio enorme, ha una popolazione con un quinto degli abitanti del pianeta, le più alte riserve valutarie al mondo e forze armate in veloce espansione - nascerà – spiega Alessandro Ursic su peacereporter.net -  quella che è già stata ribattezzata "la Cnn cinese", una rete che si ispirerà proprio ai tre grandi canali di news in inglese già esistenti (Cnn, Bbc World e Al Jazeera English).

(altro…)

Gli pseudo ologrammi della CNN

9 Novembre 2008 Tag:
out-79.jpg

Ma quali ologrammi! Quello che la CNN ha tanto sbandierato nella notte del trionfo di Obama era soltanto un falso. Fra i tanti addetti ai lavori che hanno contestato il clamore fatto attorno all’ intervista con la giornalista Jessica Yellin e il rapper Will.I.Am, entrambi da Chicago, Amy Gahran, su Poynter.org, è stata piuttosto dura.

“Qualcuno dovrebbe informare la CNN che la TV è un mezzo bi-dimensionale. Gli ologrammi lì non funzionano – nemmeno in quella ad alta definizione”, ha scritto, citando in particolare le spiegazioni molto accurate su questo tipo di effetto della Canadian Broadcasting Company.  
(altro…)