Christensen

Un errore fatale l’ integrazione fra carta e digitale?

16 Agosto 2013 Tag:, , , , , , ,
Anderson1 Lo sostiene Kevin Anderson -  un giornalista americano che si è occupato di strategia digitale per il Media Development Investment Fund,  il Guardian e la BBC.   In un articolo su TheMediaBriefing Anderson ricorda che, pur avendo ricevuto ripetuti stimoli a svegliarsi e a rispondere alla rivoluzione che la travolgeva,  l’ industria dei giornali, come la gran parte dei settori industriali travolti dall’ innovazione, ha sbagliato le strategie da adottare.    E spiega che, invece,  i risultati migliori in termini economici sono stati realizzati proprio dalle aziende che hanno scelto la separazione, anche sul piano aziendale, fra il settore tradizionale e quello innovativo. Fra di esse il gruppo Schibstead in Scandinavia e il Deseret in Usa.    (altro…)

L’ arte dell’ innovazione rivoluzionaria nel giornalismo

6 Dicembre 2012 Tag:, , , , , , , , ,
  La teoria dell' innovazione rivoluzionaria (la disruptive innovation) elaborata da Clayton M. Christensen, docente della Harvard Business School, delinea un quadro che consente di capire come un determinato settore economico cresce, si afferma e poi cede il passo quando una nuova iniziativa si impone per la sua maggiore agilità e presa sugli utenti. E' una storia che abbiamo già visto in azione, per esempio nel settore dell’ acciaio e delle automobili.   Ora Christensen, in collaborazione con David Skok (premiato nel 2012 con il Martin Wise Goodman Canadian Nieman Fellow) e James Allworth, ha applicato la sua analisi alla produzione giornalistica. Il suo obbiettivo è incoraggiare i dirigenti dell’ editoria giornalistica ad  applicare la sua teoria all' industria dei media come strumento per tracciare nuove rotte di sopravvivenza e successo.   Pubblichiamo qui di seguito la traduzione di questo ampio lavoro, apparso recentemente fra i Nieman Reports.   (altro…)