bot

Scimmie e giornalismo

12 Febbraio 2018 Tag:, , , , , , , ,
Dunque le scimmie sostituiranno i giornalisti? L'intelligenza artificiale che già 7 anni fa era in grado di stilare brevi articoli di giornale negli Usa, in particolare le tabelline dei resoconti delle partite di baseball come spiegavano molto bene nel loro libro "la scimma che vinse il Pulitzer" Nicola Bruno e Raffaele Mastrolonardo nel 2011, si sostituirà del tutto ai cronisti?     La risposta è sì, ma anche no! Entrambe le risposte sono valide come ci ha spiegato proprio uno dei due autori del libro in questione: Nicola Bruno, nel corso del suo intervento a #digitRoma lo scorso 2 febbraio. In realtà nell'edizione pratese di digit quella che si è svolta presso il Polo Universitario di Prato il 28 ottobre dello scorso anno, avevamo già avuto conferma delle nostre perplessità in tal senso. Il professor Mario Rasetti, fisico e grande esperto di ingelligenza - naturale e artificiale -  fra le altre cose, ci aveva spiegato che già oggi oltre il 60 per cento delle informazioni che circolano online hanno origine diretta dalle intelligenze artificiali. Più delle metà dei contenuti arrivano direttamente dalle macchine. E dunque il mestiere del giornalista è destinato a

Passione e saperi per la libertà

4 Febbraio 2018 Tag:, , , , , ,
Riceviamo e pubblichiamo con  piacere questo contributo di Michele Mezza in cui viene riassunto in modo chiaro il significato dell'ultimo appuntamento pubblico da noi organizzato e realizzato lo scorso 2 febbraio a Roma presso la sala Walter Tobagi della Federazione Nazionale della Stampa Italiana denominato #digitRoma. Una giornata di cui siamo fieri e per la quale vorremmo ringraziarVi.     Ringraziare Voi per primi, i nostri lettori, che siete da sempre i nostri primi sostenitori ed estimatori e di cui noi andiamo molto fieri. Un ringraziamento a tutti i relatori, e a tutti coloro che hanno partecipato alla giornata e ai quali ci auguriamo sia piaciuta. E infine un ringraziamento a chi ha reso possibile questa giornata: l'Ordine dei giornalisti del Lazio e la Fnsi.  Le parole di Michele Mezza che di #digitRoma è stato uno dei relatori sono estremamente significative e mettono insieme con grande chiarezza e precisione spunti diversi e diversi operati da parte di persone, di enti e istituzioni che stanno dentro al nostro mondo, quello del giornalismo, od operano in settori limitrofi e contigui a quello dell'informazione. Persone, enti e istituzioni che se riuscissero sempre di più

Giochi Olimpici, giochi mediatici

22 Agosto 2016 Tag:, , , ,
Schermata 2016-08-21 alle 23.13.13 La copertura mediatica delle Olimpiadi sembra un buon campo su cui testare diversi modi di interagire col pubblico. Un'occasione per raccontare un paese lasciando fuori cliches e luoghi comuni. Alcuni media si sono buttati a capofitto in sperimentazioni, chi con buoni risultati chi meno, qui di seguito alcune segnalazioni a ns avviso interessanti.   Ci pare corretto riportare la  premessa direttamente dal piano di comunicazione dell'organizzazione di Rio2016 che proprio gli obbiettivi a cui accenniamo sopra si è posta:
Più che in qualsiasi altra edizione, le comunicazioni ora giocano un ruolo fondamentale: per influenzare le percezioni, coinvolgere gruppi di pubblico, allineare le aspettative, modificare preconcetti, aumentare le opportunità e minimizzare i rischi. In una stretta collaborazione col Comitato Olimpico Internazionale Paraolimpico, il Comitato organizzatore onorerà queste sfide.
Premessa confermata? (altro…)

BOT or not? Sperimentazioni giornalistiche

18 Luglio 2016 Tag:, , ,
[caption id="attachment_29193" align="alignleft" width="300"]source.opennews.org source.opennews.org[/caption] Introduciamo un nuovo tassello nella, ormai perenne, caccia al modello di business per l'editoria e ancora una volta incontriamo le sperimentazioni di Besoz. Il Washington Post ha, di recente, lanciato un bot che diffonde notizie, anche locali, e che si occuperà della copertura delle Olimpiadi quando i giochi inizieranno.   Il Washington Post vuole "essere presente su tutte le piattaforme possibili" e ha deciso di sviluppare il proprio bot internamente. La sperimentazione di Besoz prevede un lungo ciclo di miglioramento in itinere mentre il bot apprende dalle sue interazioni con gli utenti. E secondo noi sta qui la chiave di volta del processo. (altro…)

Meno del 40% del traffico web è dovuto agli esseri umani

17 Febbraio 2014 Tag:, ,
Nel magma di Internet i bot non sono una certo novità: commenti, click e altro sono spesso dovuti ad automatismi indipendenti, e non solo per questioni di marketing. Eppure, direte voi, i social media brulicano di umanità e tanti spazi rivelano la presenza di persone in carne e ossa dietro la tastiera. Già ma è davvero così? Siamo proprio sicuri che Internet sia frequentato prevalentemente da esseri umani?   Risposta negativa, almeno secondo il portale specializzato Statista, che sintetizza nel grafico qui sotto i dati raccolti dalla piattaforma “cloud” Incapsula. (altro…)