Berkman Center

Media Cloud, per seguire al meglio il fluire dell’informazione online

8 Agosto 2009 Tag:
Nel nuovo mix dell'informazione creato online da mainstream media e produzioni indipendenti, chi è a deciderne l'agenda quotidiana? Come viene inquadrato il dibattito pubblico? E quali i maggiori temi affrontati o, al contrario, ignorati? Da queste domande ha preso avvio recentemente Media Cloud, progetto del Berkman Center for Internet & Society presso la Harvard University. In pratica, una serie di strumenti e algoritmi per seguire il flusso mediatico online - puntando ad offrire un approccio comprensivo sulle molteplici fonti d'informazione continuamente attive in Rete. Media Cloud crea automaticamente degli archivi in base alle impostazioni di ciascun utente, estrapolandoli da centinaia di testate e migliaia di siti e blog, consentendo poi allo stesso utente di visualizzare e analizzare tali dati. Si potrà così paragonare passo passo la copertura di certi eventi offerta da fonti diverse, tipo Fox News, The Atlanta Journal-Constitution e la BBC, o creare grafici dei termini e temi che compaiono più frequentemente sul New York Times e/o sui maggiori blog d'informazione. (Per ora sono coperti solo testi in inglese ma da ogni parte del mondo). Come spiega in un articolo apparso un paio di giorni fa sullo stesso New York Times Yochai Benkler,

Il futuro della rete è (per lo più) nelle nostre mani…

24 Maggio 2008 Tag:,
Il logo del Berkman Center Una due giorni di incontri e di dibattiti ad Harvard per i 10 anni di attività del Berkman Center for Internet & Society – La rete ha davanti anche molte ombre: il dilagare di spam e malware, la iper-diffusa sorveglianza tecnologica, la proprietà che i provider ritengono di UGC e dati personali - Ed ha avuto anche “molte opportunità perdute” - Ma i prossimi 10 anni saranno intensi e interessanti quanto i primi 10 ---------- di Bernardo Parrella (da http://bernyblog.wordpress.com/)

A 10 anni dalla sua nascita, si è tenuta nei giorni scorsi  alla Harvard Law School una due giorni per fare il punto sull’ attività del Berkman Center for Internet & Society (il Centro di studi sul cyberspazio fondato presso l’ università di Harvard per seguire e analizzare lo sviluppo della rete), e  la sessione plenaria di chiusura si è concentrata sui prossimi 10 anni di lavoro.

Con un’ampia serie di suggerimenti: collaborazioni più strette con altre entità, a partire da quelle europee; quant’è egalitaria di fatto la rete? quante le voci effettivamente online?; rilanciare