Quando bisogna diffidare del data journalism…

25 Maggio 2014 Tag:, , ,

Data«Con il lancio di 538, Vox e la sezione Upshot del New York Times, sembra sia finalmente arrivata l'era del ‘data journalism’, salutata con molte lodi  ma anche preoccupazione dai critici. Eppure il data journalism non è affatto una cosa nuova.

 

Questi siti non sono altro che l'iterazione delle più recenti applicazioni del settore, a sua volta iterazione del giornalismo basato sul computer, e questo già iterazione del ‘giornalismo di precisione’.   (altro…)

First Look Media indagherà sulla corruzione politica e imprenditoriale in Usa

22 Maggio 2014 Tag:, , ,
FirstSi amplia la scuderia di First Look Media, progetto di giornalismo investigativo indipendente finanziato dal fondatore di eBay, Pierre Omidyar, e co-gestito da Glen Greenwald, Laura Poitras e Jeremy Scahill. Come ha annunciato al recente London Social Media Summit Andy Carvin, ex redattore per la rete radiofonica pubblica Usa NPR e ora tra gli editor della nuova piattaforma, si tratta di un «sito dedicato a inchieste sulla corruzione politica e imprenditoriale in Usa». Lo spazio, ancora senza nome, sarà guidato da Matt Taibbi, ex giornalista di Rolling Stone, e si affianca a The Intercept, partito a febbraio con un' ampia inchiesta sui droni che non ha mancato di suscitare una varietà di riscontri.   (altro…)

Tempi duri per il NYT, dopo il licenziamento di Abramson un report denuncia falle nella strategia digitale

17 Maggio 2014 Tag:,

JillProseguono frenetiche le reazioni nella media-sfera Usa (con ampi rilanci via Twitter) sul licenziamento in tronco, annunciato mercoledì pomeriggio, di Jill Abramson, top editor del New York Times, nota per aver portato la ‘parità di genere’ in quella redazione e per aver diretto in questi anni un team che ha vinto vari Premi Pulitzer e ha perfino fatto crescere le vendite.

  Nelle ultime ore molto è stato scritto sul perché di questo inatteso terremoto, e come si è manifestato.   E pur se tutti i dettagli non sono ancora noti, tanti i reporter-segugi impegnati a scoprirlo (se mai ci riusciranno).  

Basta con l’ ”aggratis”: dare voce agli autori web sottopagati e sfruttati

6 Maggio 2014 Tag:, , ,

Slate.com: 300 dollari per una recensione o un pezzo di critica di 1.000-2.000 parole (con diritto di ripubblicarlo altrove dopo 3 mesi). Vice.com: 50 dollari per un post semplice, 100 per un pezzo di 500 parole con citazioni originali, 250 per un' analisi articolata di 1000-1250 parole. Ampie ma concordate le limature degli editor.

  Per testate importanti (The Atlantic, Salon, The Nation) si va dai 100 ai 250 dollari per pezzi online, qualcosa di più se si riesce a raggiungere il cartaceo, dove si paga ancora a parole, ma meno per recensioni o racconti.   (altro…)

La gaffe del ‘Twitter cubano’ al crocevia tra media e potere

4 Aprile 2014 Tag:, ,
Twitter cubanoLa mattina di giovedì 3 aprile la twittersfera anglofona (e poi quella spagnola) è stata scossa da una notizia clamorosa: il tentativo di creare una sorta di "Twitter cubano" da parte del governo Usa, finalizzato ad attizzare il dissenso politico. Una dettagliata ricostruzione dell'Associated Press – basata e verificata su oltre 1.000 pagine di documentazione esclusiva – chiariva di una rete di comunicazione testuale mirata a minare il governo comunista cubano, portata avanti nel periodo 2009-2012 da aziende-prestanome e tramite i fondi di banche straniere.   (altro…)