World Press Freedom Index 2019: una mappa della paura ai tempi del digitale pervasivo

| 20 Aprile 2019 | Tag:

L’indice mondiale sulla libertà di stampa del 2019, realizzato da Reporters Without Borders (RSF), mostra come l’odio nei confronti dei giornalisti sia degenerato in violenza, contribuendo ad aumentare la paura. Il numero di paesi considerati sicuri, dove i giornalisti possono lavorare in completa sicurezza, continua a diminuire, mentre i regimi autoritari continuano a stringere la presa sui media.

L’indice RSF valuta lo stato del giornalismo in 180 paesi e territori ogni anno, (Qui la mappa)
dimostra che è stato innescato un clima  di paura, che è avverso per un ambiente di informazione in cui lavorare in modo sicuro. L’ostilità nei confronti dei giornalisti espressa da leader politici in molti paesi ha provocato atti di violenza sempre più gravi e frequenti che hanno alimentato un livello senza precedenti di paura e pericolo per i giornalisti.

Pubblicato annualmente da RSF dal 2002, il World Press Freedom Index misura il livello di libertà dei media in 180 paesi. Valuta il livello del pluralismo, l’indipendenza dei media, l’ambiente per i media e l’autocensura, il quadro giuridico, la trasparenza e la qualità dell’infrastruttura che supporta la produzione di notizie e informazioni. Non valuta la politica del governo.

l’indice classifica 180 paesi e regioni in base al livello di libertà a disposizione dei giornalisti. È un’istantanea della situazione della libertà dei media basata su una valutazione del pluralismo, sull’indipendenza dei media, sulla qualità del quadro legislativo e sulla sicurezza dei giornalisti in ogni paese e regione. Non classifica le politiche pubbliche anche se i governi hanno ovviamente un impatto importante sulla classifica del loro paese. Né è un indicatore della qualità del giornalismo in ogni paese o regione.

L’indicatore globale e gli indicatori regionali sono calcolati sulla base dei punteggi registrati per ciascun paese. Questi punteggi nazionali sono calcolati dalle risposte a un questionario in 20 lingue, completato da esperti di tutto il mondo, supportato da un’analisi qualitativa. I punteggi misurano vincoli e violazioni, quindi più alto è il punteggio, peggiore è la situazione. A causa della crescente consapevolezza dell’Indice, è uno strumento di advocacy estremamente utile.

“Se il dibattito politico scorre furtivamente o apertamente verso un’atmosfera di guerra civile, in cui i giornalisti sono trattati come capri espiatori, allora la democrazia è in grave pericolo”, ha detto il segretario generale di RSF Christophe Deloire. “Arrestare questo ciclo di paura e intimidazione è una questione della massima urgenza per tutte le persone di buona volontà che apprezzano le libertà acquisite nel corso della storia”.

La Norvegia è al primo posto nell’Indice 2019 per il terzo anno consecutivo, mentre la Finlandia (in rialzo di due posizioni) si è classificata al secondo posto prendendo il posto dei Paesi Bassi (ora al quarto posto), dove due reporter che seguono il crimine organizzato hanno dovuto vivere sotto la permanente protezione della polizia. Un aumento delle molestie informatiche ha fatto in modo che la Svezia (terza) abbia perso un posto. In Africa, le classifiche di Etiopia e Gambia sono significativamente migliorate rispetto all’indice dello scorso anno.

Molti regimi autoritari sono scesi nell’Indice. Includono il Venezuela (cinque posizioni in discesa al 148 esimo posto), dove i giornalisti sono stati vittime di arresti e violenze da parte delle forze di sicurezza, e la Russia (una posizione in discesa al 149 esimo posto), dove il Cremlino ha usato arresti, ricerche arbitrarie e leggi draconiane per aumentare la pressione su media indipendenti e su Internet. I

In fondo all’Indice,  il Vietnam (176 °) e la Cina (177 °) sono scesi di un posto, l’Eritrea è terzultimo posto nonostante abbia fatto pace con il vicino Etiopia e il Turkmenistan è ora l’ultimo, in sostituzione della Corea del Nord.

Solo il 24% dei 180 paesi e territori sono classificati come “buoni” (di colore bianco nella mappa della libertà di stampa) o “abbastanza buoni” (giallo), rispetto al 26% dello scorso anno. Come risultato di un clima sempre più ostile che va oltre i commenti di Donald Trump, gli Stati Uniti (48 °) sono scesi di tre posizioni nell’Indice di quest’anno e il clima mediatico è ora classificato come “problematico” (arancione). Mai prima d’ora i giornalisti statunitensi sono stati sottoposti a così tante minacce di morte o si sono rivolti così spesso a società di sicurezza private per la protezione.

L’odio dei media è ora tale che un uomo è entrato nella redazione di Capital Gazette ad Annapolis, nel Maryland, nel giugno 2018 e ha aperto il fuoco, uccidendo quattro giornalisti e un altro membro dello staff del giornale. Il bandito aveva ripetutamente espresso il suo odio per il giornale sui social network prima di agire alla fine sulle sue parole.

Minacce, insulti e attacchi fanno ora parte dei “rischi professionali” per i giornalisti in molti paesi. In India, dove i critici del nazionalismo indù sono etichettati come “anti-indiani” nelle campagne di molestie online, sei giornalisti sono stati uccisi nel 2018. Dalla campagna elettorale in Brasile, i media sono stati presi di mira dai sostenitori di Jair Bolsonaro sia fisicamente che online.

In questo clima di diffusa ostilità, è necessario coraggio per continuare a indagare sulla corruzione, l’evasione fiscale o il crimine organizzato. In Italia , il ministro degli Interni e leader del partito della Lega Matteo Salvini ha suggerito che la protezione della polizia del giornalista Roberto Saviano potrebbe essere ritirata dopo aver criticato Salvini, mentre i giornalisti e i media sono soggetti a crescenti vessazioni giudiziarie in quasi ogni parte del mondo, compresa Algeria  e Croazia.

Un procedimento giudiziario abusivo può essere progettato per confondere i giornalisti investigativi prosciugando le loro risorse finanziarie, come in Francia o a Malta. In Polonia  i giornalisti di Gazeta Wyborcza stanno affrontando possibili condanne al carcere e in Bulgaria, dove due giornalisti sono stati arrestati dopo aver trascorso diversi mesi a indagare sull’uso improprio dei fondi UE. Oltre alle cause legali e ai procedimenti penali, i giornalisti investigativi possono essere bersaglio di ogni altro tipo di molestia ogni volta che sollevano il velo su pratiche corrotte. La casa di un giornalista è stata data alle fiamme in Serbia, mentre giornalisti sono stati uccisi a Malta, in Slovacchia, in Messico e Ghana.

Il livello di violenza usato per perseguitare i giornalisti che aggravano le autorità non sembra più conoscere alcun limite. Il raccapricciante omicidio del colonnista saudita Jamal Khashoggi nel consolato saudita a Istanbul lo scorso ottobre ha inviato un messaggio agghiacciante ai giornalisti ben oltre i confini dell’Arabia Saudita. Per paura dper la loro sopravvivenza, molti giornalisti della regione si censurano o hanno smesso di scrivere del tutto.

Di tutte le regioni del mondo, sono le Americhe (Nord e Sud) che hanno sofferto il peggior deterioramento (3,6 percento) nel punteggio regionale misurando il livello di restrizioni e violazioni della libertà di stampa. Questo non è stato solo a causa della scarsa performance degli Stati Uniti, del Brasile e del Venezuela. Il Nicaragua è sceso di 24 posizioni. I giornalisti nicaraguensi che coprono le proteste contro il governo del presidente Ortega sono trattati come manifestanti e sono spesso attaccati fisicamente. Molti hanno dovuto fuggire all’estero per evitare di essere incarcerati con accuse di terrorismo. L’emisfero occidentale ha anche uno dei paesi più mortali del mondo per i media: il Messico, dove almeno dieci giornalisti sono stati assassinati nel 2018. L’installazione di Andrés Manuel López Obrador come presidente ha ridotto alcune delle tensioni tra autorità e media, ma la continua violenza e l’impunità per gli omicidi di giornalisti ha portato RSF a riferire la situazione al Tribunale penale internazionale a marzo.

L’Unione Europea e i Balcani hanno registrato il peggior peggioramento nel punteggio regionale misurando il livello di vincoli e violazioni. È ancora la regione in cui la libertà di stampa è più rispettata e che, in linea di massima, è la più sicura, ma i giornalisti sono comunque esposti a gravi minacce: all’assassinio a Malta, in Slovacchia e in Bulgaria ; attacchi verbali e fisici in Serbia e Montenegro; e a un livello senza precedenti di violenza durante le proteste in Francia. Molte troupe televisive non osavano coprire le proteste dei Gilet Gialli senza essere accompagnate da guardie del corpo e altre nascondevano il logo del loro canale. Anche i giornalisti sono apertamente stigmatizzati. In Ungheria , i funzionari del partito del Primo Ministro Viktor Orbán, Fidesz, continuano a rifiutarsi di parlare ai giornalisti che non sono di media amichevoli con Fidesz. In Polonia, i media di proprietà statale sono stati trasformati in strumenti di propaganda e sono sempre più utilizzati per molestare i giornalisti.

Sebbene il deterioramento del punteggio regionale sia inferiore, il Medio Oriente e il Nord Africa continuano a essere i più problematici e pericolosi per i giornalisti. Nonostante una leggera diminuzione del numero di giornalisti uccisi nel 2018, la Siria continua ad essere estremamente pericolosa per i giornalisti, così come lo Yemen. A parte le guerre e la grandi crisi, come in Libia  un’altra grande minaccia incombe sui giornalisti della regione: quella di arresti arbitrari e imprigionamenti. L’Iran (è uno dei più grandi carcerieri di giornalisti del mondo. Dozzine di giornalisti sono detenuti anche in Arabia Saudita, in Egitto e Bahrain , molti dei quali senza processo. E quando vengono processati, il procedimento si trascina interminabilmente, come in Marocco. L’unica eccezione a questo quadro cupo è la Tunisia , che ha visto una grande diminuzione del numero di violazioni.

L’Africa ha registrato il peggioramento del suo punteggio regionale nell’Indice del 2019, ma anche alcuni dei più grandi cambiamenti nelle classifiche dei singoli paesi. Dopo un cambio di governo, l’Etiopia ha liberato tutti i suoi giornalisti detenuti e ottenuto un salto di 40 posti nell’Indice. E’ stato grazie a un cambio di governo che il Gambia  ha raggiunto anche uno dei maggiori aumenti dell’Indice di quest’anno. Ma i nuovi governi non sono sempre stati buoni per i giornalisti. La Tanzania ha visto attacchi senza precedenti sui media dall’installazione di John Magufuli come presidente nel 2015. Anche la Mauritania è diminuita drasticamente,

L’Europa dell’Est e l’Asia Centrale continuano a classificarsi al secondo posto nell’indice, nonostante un’insolita varietà di cambiamenti a livello nazionale e un leggero miglioramento nel punteggio regionale. Alcuni degli indicatori utilizzati per calcolare il punteggio sono migliorati, mentre altri si sono deteriorati. Di quest’ultimo, è stato l’indicatore del quadro giuridico che è peggiorato di più. Più della metà dei paesi della regione sono ancora classificati vicino o sotto la posizione 150 nell’Indice.  Russia e Turchia, continuano a perseguitare i media indipendenti. Il più grande carceriere al mondo di giornalisti professionisti, la Turchia, è anche l’unico paese al mondo in cui un giornalista è stato processato per i suoi rapporti su Paradise Papers. In questa regione in gran parte gli aumenti sono rari e meritano menzione. L’Uzbekistan ha cessato di essere colorato di nero dopo aver liberato tutti i giornalisti che sono stati incarcerati dal compianto dittatore Islam Karimov. In Armenia, la “rivoluzione del velluto” ha allentato la presa del governo sui canali televisivi.

Con la propaganda totalitaria, la censura, l’intimidazione, la violenza fisica e le molestie informatiche, l’Asia-Pacifica  continua a mostrare tutti i problemi che possono affliggere il giornalismo e con un punteggio regionale praticamente invariato, continua a classificarsi al terzo posto.

Il numero di giornalisti uccisi è stato estremamente alto in Afghanistan, India e Pakistan. Anche la disinformazione sta diventando un grosso problema nella regione. Come risultato della manipolazione dei social network in Myanmar, i messaggi di odio anti Rohingya sono diventati un luogo comune e le condanne a sette anni di prigione inflitte a due giornalisti della Reuters per aver tentato di indagare sul genocidio dei Rohingya sono state viste come niente di straordinario. Sotto la crescente influenza della Cina, la censura si sta diffondendo a Singapore e in Cambogia.

Print Friendly, PDF & Email

Leggi anche: