Gerry Mandering

| 17 aprile 2018 | Tag:, , , , , , , ,

E mentre davanti alle telecamere assiepate dentro le aule della commissione senatoriale del Congresso degli Stati Uniti  si consuma la caccia all’untore per individuare il capro espiatorio della querelle facebook/cambridge analytica… Diffidare sempre di chi promuove la caccia serrata contro qualcuno o qualcosa, normalmente non ha a cuore la verità e nemmeno la giustizia. Noi vorremmo provare ad aggiungere qualche tassello alla vicenda. Poche nuove tessere per disegnare particolari nuovi di  un caso che magari perderà anche presto gli onori delle cronache (???) ma che segnerà per sempre il proseguo del cammino di tutti noi dentro la cosiddetta “rivoluzione digitale” che forse sarebbe il caso di cominciare a chiamare vita (senza aggiungere alcun aggettivo qualificativo).

 

 

Chi è il signore del titolo? Non di signore trattasi bensì di sistema. Un “aggeggio” per dirla alla toscana realizzato da un deputato americano all’inizio dell’800, quindi 2 secoletti fa, anno più anno meno; per blindare il suo collegio elettorale e conseguentemente riuscire a vincere le elezioni con una certa facilità. Il sistema Gerry Mandering -lo abbiamo scritto così per scherzarci un poco sopra –  prende dunque il nome dall’uomo politico americano Gerry Elbridge e dalla pelle della salamandra: Mandering. Come potete vedere dalla foto di apertura del nostro post il mantello della bestiolina è parecchio  arzigogolato.

 

Mister Elbridge ispirato  dalla salamandra,  sapendo che, all’interno di una certa regione (dipartimento o stato) potessero esserci parti della popolazione ben localizzabili favorevoli ad un certo partito o ad un certo uomo politico – giovani/vecchi, ricchi/poveri, centro/periferia  –   con questo sistema disegnò un nuovo collegio elettorale che aveva confini particolarmente tortuosi (come il disegno della pelle della salamandra), includendo quelle parti della popolazione a lui favorevoli ed escludendo quelli sfavorevoli, garantedosi così una più facile elezione. Va da sè che un collegio disegnato a misura di candidato difficilmente avrebbe tradito nel buio del seggio. Non a caso da quegli anni lontani il sistema Mandering continua ad essere utilizzato elezione dopo elezione in molti Paesi del mondo non solo negli States. 

 

 

Se al sistema in oggetto aggiungiamo poi la potenza di calcolo dell’intelligenza artificiale, la mole gigantesca di dati degli aventi diritto (vedi appunto la querelle facebook/cambridge analytica, ma anche molte altre elezioni in giro per il pianeta, Italia compresa) e la conseguente profilazione avanzata di tali dati eseguita dai moderni analisti informatici  la frittata, o meglio il gioco è fatto!

 

“Facebook Could Decide an Election Without Anyone Ever Finding Out”

“Facebook potrebbe decidere un’elezione senza che nessuno lo scopra mai”

Così titolava in epoca non sospetta, il 2014, un suo pezzo il professor Jonathan Zittrain in cui studiava proprio la possibilità della realizzazione di un gerrymanderig digitale:

” Il gerrymandering digitale accade quando un sito web distribuisce informazione in modi che siano al servizio della propria agenda ideologica. Questo è possibile con ogni servizio che personalizzi ciò che vedono gli utenti e l’ordine in cui lo vedono, ed è progressivamente sempre più semplice da attuare.

Ci sono molte ragioni per considerare il gerrymandering digitale come un esercizio così tossico che nessuna compagnia retta possa tentarlo. Ma nessuna di queste aziende promette effettivamente la neutralità nei suoi algoritmi proprietari.

 

Una società di social media o di ricerca che voglia fare il passo successivo e tentare di creare un risultato favorevole in un’elezione avrebbe certamente i mezzi”.

 

Il rischio, e a questo punto dopo lo scoppio dello scandalo facebook/cambridge analytica, anche i fatti raccontano,  è che ci sia una possibile ingerenza forte, una pesante influenza delle OTT sulle nostra scelte. Posto che, come abbiamo ribadito in altri post sul tema, lo scandalo a nostro parere non sta tanto nella fuga dei dati; anche perchè quei dati li diamo noi in modo consapevole ( quando apriamo un account su un qualsiasi social firmiamo  un contratto); qualche scricchiolio potrebbe arrivare dal fatto che quei dati che noi distribuiamo a destra e a manca forse non dovrebbero essere commercializzati? Ma il grosso del problema, a nostro avviso, continua ad essere nella manipolazione evoluta di quei dati per la formazione del consenso.

 

Proviamo ad aggiungere altri tasselli. Le tecniche che utilizzano gli analisti di società come cambridge analytica sono mutuate da una scienza che si chiama psicometria. Anche in questo caso niente di nuovo sotto il sole. Sono tecniche largamente in uso nella psicologia e nel marketing da decine di anni.

 

La psicometria si insegna all’università anche in quella italiana. Altra cosa però è quando queste tecniche, dalla pubblicità e il marketing slittano verso la formazione del consenso, verso la costruzione dell’opinione pubblica. Qualcuno si opporrà sollevando il problema che la propaganda è da sempre una delle strategie in uso per la formazione del consenso in politica. Vero, ma è la trasparenza a mancare. Se io spendo milioni per costruire una campagna pubblicitaria a supporto della mia candidatura politica, anche millantando nei miei messaggi traguardi che forse non raggiungerò mai nella realtà, faccio un lavoro non  proprio esemplare ma tutto sommato agisco alla luce del sole.

 

Se invece questa stessa propaganda, realizzata magari anche spacciando notizie false, o meglio ancora verosimili, e non vere; la realizzo inviando decine o centinaia di messaggi al giorno in automatico (grazie ai bot) sull’account social di ciascuno degli 87 milioni di elettori americani di cui conosco alla perfezione tutte le informazioni anche le più intime? E le conosco, queste informazioni,   grazie alla vendita dei dati realizzata dal mio social preferito a vantaggio degli specialisti dell’agenzia di web marketing di turno?  E  l’ elettorato che raggiungo capillarmente,  grazie al gerrymanderig,   è già il migliore fra tutti quelli possibili per agevolare la mia elezione?

 

Il professor Michal Kosinski, pioniere dell’approccio che combina psicometria e big data prima a Cambridge e oggi a Stanford. Al termine di una massiccia campagna di raccolta dati su facebook, dopo aver sviluppato un modello matematico che individuava correlazioni tra le caratteristiche, era riuscito a  dimostrare di essere in grado, a partire da 10 like, di predire alcuni comportamenti di una persona meglio dei suoi colleghi, con 70 like meglio degli amici, con 150 like dei genitori e con 300 like della compagna.

 

 

Il punto di forza di società come cambridge analytica è  aver aggiunto una profilazione psicologica di massa.  Con la collaborazione delle OTT le società di analisi sono in grado di realizzare  gigantesche  banche dati su  milioni di utenti, di ognuno dei quali possiedono anche quattro-cinquemila diversi rilevamenti. La personalità degli utenti  può essere desunta dal loro comportamento online, soprattutto sui social network. Per farlo, i  ricercatori usano un test standardizzato su cinque fattori, per misurare la prevalenza dei tratti di apertura, coscienziosità, estroversione, gradevolezza verso il prossimo e nevroticismo che formano l’acronimo Ocean.

 

Come spiega in modo molto dettagliato ed esaustivo nel saggio “il dato è opinione” Salvatore Iaconesi “

 

 

“Il Dato è, progressivamente, più vero del reale capita molto spesso di imbattersi in situazioni in cui la realtà dei dati diverge radicalmente da quella del mondo fisico, scombinando le procedure di amministrazioni, burocrazie e governi. In questi casi, a parte le poche eccezioni finite sui quotidiani e tra le notizie di costume, il dato vince, sconfiggendo qualsiasi ipotesi di realtà le  burocrazie non sono capaci di trattare con identità fluide ed in evoluzione, ma solo con fenomeni statici, quantomeno, poco mobili e rigidamente classificabili. In breve: con i dati.
Ci si riconduce, quindi, ad una condizione paradossale il dato, che, come visto, non può, per sua natura, essere oggettivo, diventa un oggetto di fede. Una religione. Nell’era del controllo, della sorveglianza e della governance algoritmica in cui ci ritroviamo, questa condizione diventa una condizione di grande potere. Tramite la selezione, il filtraggio e la composizione e ricombinazione di dati e informazioni, operatori grandi e piccoli sono in grado di controllare la percezione del reale e di costruire realtà. La ricerca sociale e tecnologica ha esplorato in profondità alcune implicazioni di questa forma di potere computazionale. Ad esempio  per estendere la comprensione riguardo le minacce derivanti il governo algoritmico oppure esplorando scenari potenzialmente catastrofici, o, ancora, passando dall’altro lato della barricata, trasformando milioni di utenti dei social in cavie da laboratorio”.
Di gerrymandering ha parlato durante il suo intervento a #digitRoma anche il nostro decano e fondatore Raffaele Fiengo. Il passaggio in oggetto lo trovate dal minuto 4.45 al minuto 7.00 del video integrale del suo speech che aggiungiamo in conclusione del nostro pezzo, grazie dell’attenzione e buona visione  ;)

Print Friendly, PDF & Email

Leggi anche:

  • Politica e campagne elettorali #digit16 La politica degli anni Duemila è molto diversa, nelle sue forme organizzative e relazionali, rispetto alla politica del passato e ora vive una fase di profonda crisi di cui la rete sarebbe […]
  • Sulla disobbedienza Dentro la società degli algoritmi ci siamo, volenti o nolenti. E visto che non possiamo starne fuori allora conviene almeno provare ad essere critici, non assecondare le macchine in tutto […]
  • #digitRoma Il programma   Buongiorno,  benvenuti, ben ritrovati, eccoci pronti alla prima edizione "fuori porta" del nostro festival. Per la prima volta digit ha ottenuto crediti deontologici e la […]
  • Disobbedienti si diventa Bentrovati per la lettura della seconda parte della nostra scheda dedicata al saggio di Nicola Zamperini edito per Castelvecchi che si intitola "Manuale di disobbedienza digitale".  Prima […]
  • #digitRoma 2 febbraio 2018 algoritmi giornalismo elezioni lavoro aziende Ci eravamo salutati al calar della sera raccontandoci che l'anno appena finito non fosse a nostro avviso quello delle "fake news" bensì quello "dell'algoritmo". Torniamo a Voi per […]