Festival Giornalisti del Mediterraneo, un concorso sui temi del terrorismo; diritti umani e Europa; turismo e marketing territoriale

| 26 aprile 2017 | Tag:,

E’ arrivato alla 9° edizione il Festival Giornalisti del Mediterraneo, evento promosso e organizzato dall’Associazione “Terra del Mediterraneo”, in partnership con il Comune di Otranto. L’appuntamento, ormai consolidato nel Mediterraneo, coinvolge la Regione Puglia, Assessorato alla Cultura e Promozione Turistica; il Corecom Puglia; l’Università degli Studi di Bari Aldo Moro e il Corpo Consolare di Puglia, Basilicata e Molise.

Quest’anno il Festival si snoderà in due momenti. A Bari, si avvierà una riflessione su molteplici temi legati all’etica dell’informazione, dell’impegno civile, del legame tra informazione e legalità, di tutela dei minori. I seminari si terranno dal 23 al 26 maggio, presso l’ex Palazzo delle Poste, sede dell’Università degli Studi di Bari. Invece ad Otranto, dal 5 al 9 settembre, si approfondiranno le questioni legate al Mediterraneo, Medio Oriente, Isis e Terrorismo. Si terrà, inoltre, il forum Euro Mediterraneo: il ruolo dei mass media nelle zone di guerra. Parteciperanno giornalisti provenienti dalla Libia, Giordania, Marocco, Malta, Cipro, Francia, Spagna, Algeria, Tunisia.

Con il Festival, giunge alla sua 9° edizione anche l’omonimo concorso che, quest’anno, conterà tre sezioni tematiche: terrorismo internazionale; diritti umani e Europa; turismo e marketing territoriale. I candidati potranno presentare le proprie opere entro il prossimo 15 giugno. È possibile scaricare il regolamento dal sito www.giornalistidelmediterraneo.it o chiedere informazioni chiamando il numero 346.8262198.

Il concorso “Giornalisti del Mediterraneo” si rivolge a giornalisti di professione e freelance, oltre che ai giovani talenti delle scuole di giornalismo, nonché agli studenti dei corsi di laurea in Scienze della Comunicazione e mira a coinvolgere reporter italiani e stranieri, della carta stampata e della televisione, del mondo del web e radiofonico.

Print Friendly, PDF & Email

Leggi anche: